Venerdì, 15 Ottobre 2021
Verbano Cusio Ossola

Tragedia sulla funivia del Mottarone: Serena Cosentino si era trasferita da poco a Verbania

Il fidanzato, iraniano, era di Diamante come lei ed era andato a trovarla

Viveva a Verbania da poco tempo, risiedeva a Pallanza. Serena Cosentino, classe 1994, è una delle 14 persone che ha perso la vita nella tragedia di ieri, domenica 23 maggio, precipitando con la cabina dalla funivia Stresa-Mottarone. La giovane, di Diamante in provincia di Cosenza, aveva vinto un concorso come borsista di ricerca al Cnr Istituto di Ricerca delle Acque e aveva iniziato a lavorare lo scorso 15 marzo.

Tragedia sulla funivia del Mottarone, è deceduto uno dei due bambini feriti

Con lei c'era Mohammadreza Shahaisavandi, classe 1998, il fidanzato, di origini iraniane ma anche lui di Diamante: era venuto a Verbania per stare con Serena e insieme avevano deciso di fare questa gita. 

Quando è stata resa nota l'identità delle vittime un profondo silenzio è calato sulla cittadina della Calabria: "Una notizia che non avrei mai voluto dare alla nostra comunità. Purtroppo, nel tragico incidente della funivia di Stresa hanno perso la vita due ragazzi di Diamante, - ha detto il sindaco del Comune Ernesto Magorno - Serena Cosentino e Shahaisavandi Mohammandreza. A nome di tutta l'amministrazione comunale e dell' intera comunità ci stringiamo, sconvolti da quanto accaduto, al dolore delle famiglie che immaginiamo, in questi momenti, devastate da un dolore inenarrabile. Ci siamo immediatamente attivati per essere loro vicini in questi difficili momenti e nei contatti con le autorità del luogo dove si è svolto il tragico incidente. Chiedo a tutti di rivolgere una preghiera alla nostra Immacolata per i due giovani concittadini scomparsi e per le loro famiglie alle quali la cittadinanza di Diamante è vicina in un abbraccio commosso e fraterno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sulla funivia del Mottarone: Serena Cosentino si era trasferita da poco a Verbania

NovaraToday è in caricamento