Novara, domenica entra in vigore il discusso regolamento di polizia urbana

Vietati abiti che offendano il senso del pudore, biciclette legate ai pali, prostituzione e abiti che mascherino il volto. Il testo completo

La Iena Nadia Toffa intervista il sindaco Canelli

Entrerà in vigore domenica 9 dicembre il discusso regolamento di polizia urbana, che ha suscitato moltissime polemiche e ha attirato anche l'attenzione dei media nazionali.

Novara, arrivano Le Iene: "Ma a Novara come ci si deve vestire?"

Il regolamento sarà quindi valido a partire da questo fine settimana. Linea dura nei confronti dei trasgressori però: il Comune ha stabilito che i pagamenti in misura ridotta della sanzione siano molto alti. Un esempio per tutti: se si butta una carta a terra, violando l'articolo 8, si incorre in una sanzione che va da 100 a 500 euro, mentre il pagamento in misura ridotta è stato fissato a 400 euro. Quindi, se si vuole chiudere subito la vicenda pagando la multa, bisognerò pagare 400 euro, altrimenti si deve attendere il contenzioso.

 Nei prossimi mesi però potrebbero essere presentate delle revisioni di alcuni punti, come l'amministrazione aveva annunciato

Nuovo regolamento, Canelli risponde alle critiche

 Ecco i punti principali. 

Il testo completo del Regolamento di Polizia Urbana di Novara

Il comune senso del pudore

Certamente l'articolo del nuovo regolamento che ha suscitato più discussioni è l'11, che al punto E recita "è vietato mostrarsi in pubblico in abiti che offendano il comune senso del pudore". Immediatamente sono scattate le polemiche, tra chi parla di un "ritorno della buoncostume" o del divieto di minigonne e shorts o di strumentalizzazione. Certamente la questione principale è in che modo si può stabilire quale sia "il comune senso del pudore" e quali abiti siano permessi e quali no. "Non siamo bigotti o oscurantisti - aveva spiegato l'assessore comunale alla sicurezza Mario Paganini - è solo una questione di decoro. Il riferimento al 'comune senso del pudore' è voluto perché si tratta di un concetto in divenire, che cambia a seconda dei tempi e delle sensibilità".

Il nuovo regolamento scatena i social: l'ironia del web

Gli altri divieti: biciclette, sexy shop e volto coperto

L'articolo 12 dice che è vietato "legare i velocipedi a pali, tabelloni per affissioni o elementi di arredo urbano o, comunque lasciarli ivi “parcheggiati” o abbandonati". Più curioso invece l'articolo 30, che vieta l'apertura di sexy shop in zone "di particolare interesse archeologico, storico, artistico e ambientale a tutela del senso del pudore comunemente percepito dai cittadini con particolare riguardo all’esigenza di evitare, nell’ambito del territorio comunale, situazioni che possano nuocere allo sviluppo fisico, psichico o morale dei minori". 

L'articolo 37 dice che "è vietato sostare o indugiare, in gruppo, sui marciapiedi di fronte ai pubblici esercizi di somministrazione di bevande e alimenti, al di fuori degli spazi autorizzati, in modo da causare intralcio al transito normale degli altri pedoni e/o creare disturbo alla quiete e alla tranquillità pubblica". 

Tornano anche i divieti di prostituzione, di bivacco e di praticare attività di mendicità, come nei regolamenti comunali precedenti. Si inaspriscono anche le sanzioni per la vendita di alcol a minori e per il consumo di alcolici in alcune zone. 

Aggiunto anche al momento dell'approvazione definitiva, un nuovo articolo, il 23bis, che prevede il “divieto di abbigliamento atto a mascherare o a travisare il volto per l'accesso agli uffici comunali”. L'emendamento, formulato dai gruppi di maggioranza, dice che non si può quindi entrare negli uffici comunali con un abbigliamento "che possa impedire o rendere difficoltoso il riconoscimento", pena una multa da 100 a 500 euro. 

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di francesco
    francesco

    Sono perfettamente daccordo con Daniele. Novara la città delle ordinanze mai fatte rispettare. Solo sporadici episodi di qualche sanzione e subito riportate a mezzo stampa, quale efficienza e fermezza applicativa sull'ordinanza. Chissà perchè si vedono le stesse prostitute nei soliti posti da anni. I soliti viados, sempre nei soliti posti. I soliti locali che somministrano bevande in bottiglia a tutte le ore, in barba ai cartelli d'avviso a rispetto ordinanza, questi posti ben evidenti nell'ingresso dei locali, e  tanto altro a quel di degrado; quali bici a tutta velocità in mezzo alla gente in Corso Cavour, nei marciapiedi di Corso Garibaldi... ecc...ecc. !!! Pertanto ennesima ordinanza... blaa....blaa...blaa !!!

  • vediamo chi rispetta tutto questo...????????????????

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lutto nel mondo della cultura: addio a Dorino Tuniz

  • Attualità

    Oleggese pronto per un'altra avventura: girare il Marocco in bicicletta

  • Cronaca

    Trecate, muore mentre è al parco colpito da un malore

  • Cronaca

    Schianto alla rotonda di San Pietro Mosezzo: lunedì il funerale della mamma di 56 anni

I più letti della settimana

  • Novara: 18enne si toglie la vita in camera sua

  • Schianto alla rotonda di San Pietro: auto si incendia, morta in ospedale Maria Grazia Masiero

  • Galliate: "Siamo sotto schock, la scuola non c'entra": parla la famiglia del ragazzo che si è tolto la vita

  • Cannavacciuolo, la pasticceria novarese si sposta fuori città

  • Cerano, il parroco si innamora di una donna e lascia il sacerdozio

  • Novara, lite in strada in viale Dante: picchia una donna e poi aggredisce gli agenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento