Scuola: la palestra del Fauser rimessa a nuovo grazie alle società sportive di pattinaggio

L'intervento è stato possibile grazie ad un bando pubblico che ha dato in gestione per 10 anni l'impianto sportivo alla Asd Accademia e alla Asd GioCa Pattinaggio

Una nuova palestra per il Fauser e per la città. Sono terminati nei giorni scorsi i lavori di manutenzione straordinaria e di miglioria della palestra dell'istituto superiore di via Ricci. L'intervento è stato possibile grazie ad un bando pubblico che ha dato in gestione per 10 anni l'impianto sportivo a due società sportive della città: la Asd Accademia e la Asd GioCa Pattinaggio.

I lavori - presentati questa mattina dalla Provincia, dai rappresentanti delle due associazioni e dal dirigente scolastico - hanno interessato in particolare la pavimentazione, che è stata interamente rifatta. Le due società sportive sono inoltre intervenute sull'imbiancatura, sull'illuminazione e sugli impianti di sicurezza; sono poi anche partiti i primi lavori per il rifacimento dello spogliatoio e della palestrina. In tutto, ad ora, i lavori sono costati alle due società sportive circa 100mila euro e sono durati un mese.

"Vorrei sottolineare - ha commentato il presidente Matteo Besozzi - l'ottimo risultato ottenuto grazie al bando emesso dalla Provincia. L'obiettivo era restituire l'utilizzo della palestra agli studenti, ma anche alle società sportive della città, ed è stato raggiunto".

Purtroppo, però, la struttura, di proprietà della Provincia, ha ancora problemi, in particolare con le infiltrazioni d'acqua. Proprio questa mattina, durante la presentazione alla stampa e agli studenti dei lavori eseguiti, in un angolo della palestra, a causa della forte pioggia, si è infiltrata nuovamente dell'acqua.

infiltrazioni palestra fauser-2

Il presidente della Provincia Matteo Besozzi e la consigliera delegata all'Istruzione Emanuela Allegra hanno assicurato che l'intervento spetta all'Ente e che "individuato il problema - ha detto Besozzi - interverremo quanto prima per risolverlo".

Problema che è già stato preso in carico dalle due società sportive che hanno richiesto l'intervento della ditta Trivellato: "i lavori di sistemazione del tetto sono a carico della Provincia, come anche correttamente ribadito dai responsabili dell'Ente questa mattina. Però - ha spiegato Alberto Patrucchi, responsabile delle due società - siamo nelle condizioni di non poter aspettare che la macchina burocratica decida di intervenire con i suoi tempi, perché una pioggia copiosa potrebbe fare un danno da migliaia di euro. Pertanto oggi stesso alle 15 la ditta Trivellato, sempre in nome e per conto nostro, è salita sull'impianto e ha fatto una pulizia dellle canaline molto superficiale alla quale entro sabato farà seguire un intervento di pulizia accurato comprensivo della sigillatura delle parti mal ridotte che hanno causato l'infiltrazione di questa mattina. Ovviamente, considerato che abbiamo noi contattato la ditta Trivellato saremo noi a saldare la relativa fattura. Sarà poi mia personale premura proseguire nell'eventuale tentativo di rimborso da parte dell'Ente. Da chiarire inoltre che, stando al sopraluogo fatto dei tecnici Trivellato, risulta malmesso il colmo che necessiterebbe di un intervento importante per evitare che il primo vento forte se lo porti via, cosa che potrebbe fare un danno non solo alle cose, ma anche alle persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, 5.094 casi in Piemonte: il trend si stabilizza, cauto ottimismo dall'ospedale Maggiore

  • Coronavirus: in Piemonte rimandati bollo, assicurazione, revisione e scadenza dei documenti

  • Coronavirus: in Piemonte oltre 5700 casi positivi, 5 nuovi decessi a Novara

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

Torna su
NovaraToday è in caricamento