Verbano Cusio OssolaToday

Pecore denutrite e senza acqua: sequestrata una stalla in Ossola

Gli animali erano custoditi in uno spazio ridotto, in condizioni igienico-sanitarie carenti

Le pecore erano ricoperte di fango e feci

Dopo i 50 vitelli sequestrati nel novarese, la Forestale ha sequestrato un'altra stalla dove venivano tenuti animali in condizioni igienico-sanitarie carenti.

E' successo nel Vco, in località Bosco a Crevoladossola. L'operazione è stata eseguita dagli uomini del comando stazione carabinieri forestale di Domodossola, insiema e due medici del servizio veterinario dell'Asl, che nel corso del controllo hanno riscontrato lacune sanitarie estremamente gravi.

Le pecore erano infatti ricoperte di fando misto a feci ed insetti, e apparivano denutrite. La stalla aveva dimensioni ridotte per ospitare 12 ovini e buia. Inoltre, l'abbeveratorio era completamente vuoto.

Gli animali, solo sei dei quali regolarmente identificati, sono quindi stati posti sotto sequestro penale, insieme a tutta la stalla, e spostati in un'altra area. Gli allevatori, padre e figlio (rispettivamente detentore e proprietario degli animali), sono stati denunciati per maltrattamento di animali e detenzione di animali in condizioni produttive di gravi sofferenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 5.094 casi in Piemonte: il trend si stabilizza, cauto ottimismo dall'ospedale Maggiore

  • Coronavirus: in Piemonte rimandati bollo, assicurazione, revisione e scadenza dei documenti

  • Coronavirus, dopo l'ordinanza della Regione l'annuncio di Conte: chiusa ogni attività produttiva non necessaria

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus: in Piemonte oltre 5700 casi positivi, 5 nuovi decessi a Novara

  • Coronavirus: a Novara è morto il prof. Eugenio Inglese, storico medico del Maggiore

Torna su
NovaraToday è in caricamento