Confermata la condanna a morte al ricercatore novarese a processo in Iran

Ahmadreza Djalali è stato condannato dalla Corte Suprema di Teheran come spia israeliana

Ahmadreza Djalali

É stata confermata la condanna a morte per Ahmadreza Djalali, il ricercatore iraniano che ha lavorato anche a Novara e che da oltre un anno e mezzo è detenuto in un carcere di Teheran con l'accusa di essere una spia straniera.

Il medico, che ha collaborato con il Crimedim di Novara e con diverse università europee, ha sempre negato tutte le accuse, proclamandosi innocente: per lui si è mobilitata tutta la comunità scientifica e politica e gli appelli, tra cui quello di Amnesty International, non sono mancati. Proprio Amnesty ha reso noto che nella giornata di sabato 9 dicembre la Corte Suprema iraniana ha confermato la condanna alla pena di morte per Ahmadreza Djalali. Resta ancora un terzo grado di giudizio per ribaltare la sentenza. 

Potrebbe interessarti

  • Ospedale Maggiore, ostetricia e ginecologia al vertice della classifica regionale

  • Borgomanero, Mauro Porta nuovo primario di Ortopedia e Traumatologia

  • Come pulire ed igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Piscine a Novara: tutte le tariffe e gli orari dell'estate 2019

  • Verbania: la avvisano della morte del padre, si sente male e muore anche lei

  • Ritrovato a Galliate il geometra scomparso da lunedì: sta bene

  • Incidente in autostrada, schianto fra tre auto: sette feriti, in coma una bambina di 5 anni

  • Incidente a Novara: si ribalta in pieno centro a Pernate

  • Borgomanero, azienda evade oltre un milione di euro: scoperti anche 15 lavoratori in nero

Torna su
NovaraToday è in caricamento