Alimentazione

Alga spirulina: benefici e controindicazioni

Che cos'è e a che cosa serve

Foto di Anais Crouzet da Pixabay

L'alga spirulina è un'alga azzurra unicellulare che vive in laghi di acqua dolce con acqua calde e alcaline. Le sue proprietà nutrizionali sono molteplici. Scopriamo insieme quali sono i suoi benefici e le controindicazioni.

L'alga spirulina oggi viene utilizzata come integratore alimentare alla dieta ed è disponibile in compresse, fiocchi e polvere. Quest'alga, infatti, grazie al particolare microambiente e le caratteristiche dell’acqua in cui cresce, possiede un alto contenuto di proteine di origine non animale (dal 55% al 65% del suo peso), amminoacidi essenziali e lipidi. Inoltre, nell'alga spirulina sono presenti anche alcuni minerali come ferro, rame, manganese e magnesio, e vitamine, tra cui il tocoferolo, alcuni carotenoidi (o provitamine A), l'inositolo e molte vitamine del gruppo B.

I benefici derivanti dalla sua assunzione sono diversi, tra cui:

  • azione antiossidante: grazie alla presenza di vitamine, ficobiline ed altri pigmenti, tra cui la clorofilla, la spirulina ha forti proprietà antiossidanti, favorendo memoria e concentrazione, contrastando i radicali liberi e proteggendo l’organismo dai danni che questi possono causare, come invecchiamento precoce, malattie neurodegenerative, alcune forme tumorali e malattia aterosclerotica
  • prevenzione delle malattie cardiovascolari: grazie alla presenza di omega 6 e dell'acido gamma linolenico, l'alga spirulina aiuta a migliorare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, normalizzare la pressione arteriosa, partecipare alla formazione delle guaine mieliniche che rivestono i nervi e migliorare la funzionalità del sistema immunitario
  • supporto nutrizionale nelle diete vegane e vegetariane
  • supporto nello stato di salute di atleti sottoposti ad allenamenti intensi
  • protezione dell’organismo dai danni indotti dallo stress ossidativo e dall’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti

Effetti collaterali e controindicazioni

Per evitare possibili effetti collaterali è importante assicurarsi che l'alga spirulina non sia contaminata da microcistine o anatossine, sostanze tossiche che, anche se non sono prodotte direttamente dalla spirulina, possono essere presenti per contaminazione. Queste sostanze, infatti, possono causare disturbi gastrointestinali, come mal di stomaco, nausea, vomito, debolezza, sete, battito cardiaco accelerato, shock e, a lungo termine e nei casi più gravi, cancro al fegato e decesso. Inoltre è bene ricordare che la spirulina può assorbire metalli pesanti. 

In ogni caso, è sempre buona norma avere il parere di un esperto prima di iniziare ad assumere prodotti a base di alga spirulina, poiché esistono delle condizioni nelle quali l'uso di spirulina deve essere evitato. Tra queste troviamo: problemi alla tiroide, malattie autoimmuni, calcoli ai reni, gravidanza o allattamento, gotta. Inoltre, l’alga spirulina va assolutamente evitata da pazienti affetti da fenilchetonuria o che seguono trattamenti anticoagulanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alga spirulina: benefici e controindicazioni

NovaraToday è in caricamento