Novara, all'ospedale Maggiore i corsi pre-parto si fanno online

Iniziativa delle ostetriche della Struttura di ostetricia e ginecologia. Il progetto

Foto di repertorio

Le ostetriche della Struttura di ostetricia e ginecologia dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara, retta dal dott. Alberto De Pedrini, hanno realizzato un corso di accompagnamento alla nascita online fruibile in modo gratuito per tutte le donne.

"Abbiamo deciso di realizzare questo corso perché l’emergenza Covid ci ha purtroppo costrette a sospendere gli incontri di accompagnamento alla nascita - ha spiegato l’ostetrica Angela Maccagnola che ha pensato e realizzato il progetto in collaborazione con le colleghe Buratti, Castelli, Colombo, Deri, Fabbris, Guolo, Pagin, Rinaldi, Rossetti e Uglietti - Siamo riusciti a realizzare questo progetto grazie al Servizio di telemedicina e dell’Ufficio relazione esterne dell’Aou che hanno effettuato le riprese, il montaggio e la pubblicazione dei video".

Il progetto, avviato ad aprile, si è concluso nel mese di giugno: "Non è stato semplice - precisano le ostetriche - trasmettere attraverso i video i contenuti degli incontri di accompagnamento alla Nascita che prima dell’emergenza Covid erano organizzati in 9 incontri da tre ore circa distribuiti su due mesi con una partecipazione annua di circa 800 donne".

"Abbiamo fortemente voluto questo progetto - ha aggiunto Maccagnola - perché riteniamo che gli incontri di accompagnamento alla nascita siano uno strumento di grande aiuto per le donne. Oggi hanno un obiettivo più ampio dei corsi pre-parto che venivano svolti in passato perché sono più articolati, con interventi rivolti a sostenere e accompagnare le coppie in tutto il percorso nascita, dalla gestione della gravidanza del travaglio e del parto al post parto con particolare attenzione all’accudimento del bambino, all’allattamento e allo sviluppo delle competenze genitoriali. Lo scopo è quello di fornire informazioni sui processi fisiologici della nascita, accrescere la capacità delle donne di autordeterminarsi stimolando in questo modo scelte informate, fornire strumenti di autogestione e offrire la possibilità di confronto e condivisione fra donne. Questo ci aiuta a comprendere come la finalità degli incontri non si limiti alla sola trasmissione di informazioni. È importante comprendere che la donna ha un ruolo attivo e non delegabile nell’intero percorso nascita ed in grado di condizionare il decorso e l’esito della sua esperienza. Per questo riteniamo sia fondamentale aiutare le future mamme a riflettere sulle competenze innate e sulle potenzialità proprie di ogni donna nel dare alla luce e accudire il proprio bambino per renderle più fiduciose e più sicure".

I video sono raccolti in 5 macro-argomenti: 1. Presentazione del corso e del reparto; 2. La gravidanza; 3. Travaglio e il parto; 4. Allattamento e ritorno a casa con il bimbo; 5. Servizi e diritti per la maternità.

Per una maggiore efficacia del corso le ostetriche raccomandano di visionare i video nell’ordine in cui sono presentati perché strutturati con una consequenzialità logica e gli uni sono propedeutici agli altri secondo l’ordine indicato. I video sono disponibili sul canale youtube dell’ospedale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Novara, si sente male e muore nel parcheggio del centro commerciale di Veveri

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Schianto mortale sull'A26: auto investe due cinghiali e finisce fuori strada, due morti

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Coronavirus, casi positivi all'Ipsia Bellini: scuola chiusa per due settimane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento