Mercoledì, 23 Giugno 2021
Salute

Ospedale di Borgomanero, 147 bambini nati durante il lockdown

Hanno continuato ininterrottamente ad operare tutti i dipartimenti

Nel periodo dell’emergenza coronavirus, tutte le strutture afferenti al Dipartimento Materno Infantile si sono adoperate per mantenere al massimo gli standard di efficienza e di sicurezza per mamme, neonati, bambini e adolescenti.

"In questo periodo abbiamo dovuto affrontare non poche difficoltà per far fronte all’emergenza COVID-19. La Struttura di ginecologia è stata adibita a “degenza chirurgica” e la sospensione dell’attività del blocco operatorio dell’Ospedale, ha determinato il trasferimento dell’attività chirurgica non differibile (chirurgia oncologica e d’urgenza) nelle sale operatorie di Ostetricia-Ginecologia. I Reparti di Ostetricia-Ginecologia e di Pediatria hanno dovuto poi adeguare l’attività di ricovero, di pronto soccorso e ambulatoriale alla nuova situazione di emergenza, creando percorsi di accesso e  aree di degenza pediatrica e ostetrico-ginecologica separate per i pazienti positivi o sospetti tali, per garantire alle partorienti e ai neonati la massima protezione  da potenziali fonti di contagio. Nonostante le difficoltà abbiamo cercato, grazie all’impegno e alla collaborazione di tutti gli operatori, di mantenere e, crediamo di esserci riusciti, un elevato standard di qualità nell’assistenza alle mamme e ai neonati.

Abbiamo mantenuto inalterati i bilanci di salute e il monitoraggio della gravidanza previsti dal percorso nascita, mantenendo percorsi rigorosamente separati  tra le pazienti positive (o anche solo sospette) e quelle negative, consentendo la presenza dei papà in sala parto, lasciato alla mamma la massima libertà scelta sulle modalità del parto (con la sola sospensione del parto in acqua) e proseguito con regolarità  anche la donazione dei cordoni ombelicali. Per  i neonati abbiamo mantenuto gli elevati standard di assistenza, proseguendo con la pratica del contatto “pelle a pelle” alla nascita, il rooming-in senza limitazioni di accesso per i papà e il supporto all’allattamento al seno. Particolarmente importante e apprezzata dalle famiglie, in ragione delle difficoltà di accesso dei neonati e delle mamme agli ambulatori medici  territoriali nella fase iniziale del lock-down, è stata poi la prosecuzione senza sosta dei controlli post-dimissione delle mamme e dei neonati e dell’attività clinica e di diagnostica ecografica di follow-up del neonato patologico. 

Anche l'assistenza territoriale del Dipartimento ha necessariamente dovuto fare i conti con le nuove disposizioni legate all’emergenza coronavirus. Sono stati mantenuti attivi i fondamenti del percorso nascita aziendale, come ad esempio il monitoraggio della gravidanza fisiologica, l’attività di sostegno mamma-bambino, le visite ginecologiche e pediatriche non differibili e il sostegno alle donne a rischio di depressione post-partum. Una importante parte dell’attività  territoriale come i corsi di accompagnamento alla nascita e gli incontri di sostegno post-partum sono invece proseguite in modalità di counselling telefonico o “on line” .

Anche la S.C. di Neuropsichiatria Infantile ha trasformato l’abituale modalità di assistenza: è stata garantita l’assistenza presso gli ambulatori dell’ospedale e del territorio per le situazioni più urgenti, favorendo il più possibile la modalità telefonica o on-line per le situazioni di minore gravità, a costante tutela dei bambini e degli adolescenti “fragili” e delle loro famiglie. E’ stato preparato e inviato materiale utile al proseguimento del percorso riabilitativo in modalità casalinga (schede, storie sociali, immagini, quaderni di comunicazione), offrendo sostegno nell’utilizzo di tale materiale; si sono attivate videoconferenze con insegnanti e operatori esterni e  formazione online con alcune direzioni didattiche. Sono stati, inoltre, attivati sportelli di ascolto giornalieri per accogliere e supportare le numerose situazioni di disagio psicologico dei singoli o delle famiglie conseguenti all’improvviso isolamento sociale nate a seguito della chiusura delle scuole e delle attività para-scolastiche". 

"Possiamo ritenerci soddisfatti per il fatto che, nonostante il calo della natalità registrato negli ultimi anni, abbiamo avuto durante il periodo di emergenza dal 28 febbraio al 4 maggio, un buon incremento delle nascite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con 147 parti e soprattutto un numero significativo di partorienti (26%) provenienti dalle ASL limitrofe di Vercelli e VCO e dalla Lombardia.

Sembra insomma che la cicogna abbia continuato a volare indisturbata nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia. Più realisticamente possiamo pensare che la popolazione abbia identificato il Dipartimento Materno Infantile dell’Ospedale di Borgomanero come struttura “a misura di donna e bambino”, sempre attento alle esigenze delle partorienti e dei neonati e capace di riorganizzarsi per far fronte all’emergenza mantenendo inalterato quegli aspetti di efficienza ma anche di umanità che sono indispensabili nell’assistenza della donna e dei bambini di qualunque età. Va infine sottolineato a tale proposito che ad oggi non abbiamo segnalazioni di avvenuto contagio per il coronavirus correlabili alla degenza ospedaliera o ai controlli ambulatoriali post-dimissione nelle mamme e nei neonati ricoverati in questo periodo di emergenza; ciò a dimostrazione dell’efficacia del lavoro di riorganizzazione degli spazi e dei percorsi predisposti dagli operatori del Dipartimento Materno Infantile supportati dalla preziosa collaborazione della Direzione Medica dell’Ospedale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Borgomanero, 147 bambini nati durante il lockdown

NovaraToday è in caricamento