← Tutte le segnalazioni

Altro

Novara: "E' passato sotto silenzio un importante ritrovamento archeologico nella nostra città"

Strada Beldì, 12 · San Martino

E' passato sotto silenzio un importante ritrovamento archeologico nella nostra città, forse complice il clima estivo e la necessità di procedere celermente con i lavori che ne hanno determinata la scoperta: i resti di una evidente domus patrizia di epoca imperiale romana che hanno visto la luce ai piedi della nostra Basilica di San Gaudenzio.

Un ritrovamento inaspettato che rende giustizia a coloro che da sempre sostengono come la città di Novara, o perlomeno coloro che abitavano entro la cinta muraria ed appartenevano quindi al ceto elevato, godesse di uno status di città gradevole e ricca. Un pezzo di muro già crollato anticamente ma soprattutto i resti dell'Ipocausto, (dal latino hypocaustum era un sistema di riscaldamento usato nell'antica Roma, consistente nella circolazione di aria calda entro cavità poste nel pavimento e nelle pareti del luogo da riscaldare) ci danno l'idea della ricchezza che circondava l'elites cittadina. Visibili in sito i pilastrini di mattoni (pilae) che creavano lo spazio vuoto sotto il pavimento dove circolava l'aria calda prodotta da una fornace. Possiamo addirittura pensare che la domus avesse le terme private ma questa è per ora soltanto un'affascinante ipotesi, non dimenticando che Novara certamente ebbe delle terme, i cui resti sono già venuti alla luce nel corso di scavi in area centrale cittadina.

Gli archeologi della Soprintendenza hanno portato in sicurezza i manufatti rinvenuti in Strada Beldì 12 (resti di vasetti), segnalato il sito e protetto con particolare attenzione le murature, che sono poi state ricoperte.

Maria Rosa Marsilio

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Luciano
    Luciano

    Si ho saputo della notizia. Ma quello che più mi ha fatto arrabbiare è che lo stesso Comune di Novara avrebbe dovuto prendere in mano la situazione e visto che la nostra città non è che vanti antichità eccetto le mura romane in piazza Cavour o davanti al Coservatorio, ex Collegio Gallarini. Poteva esserre un'occasione per Novara. Ritrovare una villa patrizia a Novara non è da tutti i giorni. Ma purtroppo questo avvenimento è figlio di quello avvenuto nel lontano 2005 quando tra l'Angolo delle Ore e Comune erano state trovate anche li resti della novara-romana. E' finita che il tutto è stato mappato e ricoperto. Almeno li una parte della Torre è stata messa sotto cristallo. Non potevano fare altrettanto per la villa patrizia?

Segnalazioni popolari

Torna su
NovaraToday è in caricamento