Atc, arriva la replica di Genoni a Canelli

“Conguagli: i dettagli delle spese inviati un mese prima della bolletta. E’ possibile rateizzare”

“Il Comune paghi quanto deve per chi decide di tenere in casa senza averne diritto e non strizzi l’occhio ai ‘furbetti’ che pretendono di non pagare l’affitto pur potendoselo permettere, con morosità di migliaia di euro”. Il presidente di ATC Piemonte Nord Giuseppe Genoni replica alle dichiarazioni stampa del sindaco di Novara Alessandro Canelli che ha fortemente criticato la politica di rigore dell’Agenzia.

“Dispiace che la profonda azione di risanamento dei conti, che le gestioni Atc con presidenze di centrodestra avevano “trascurato”, non venga riconosciuta – replica Genoni - Il Comune inizi a pagare la quota che deve ad Atc, di 1 milione e 600 mila euro (al 31 marzo 2017), poi la Lega prosegua pure nella polemica, insieme al gruppetto di inquilini che ogni settimana si rivolge senza motivo ai giornali (per dovere di cronaca i tre inquilini intervistati hanno morosità da capogiro rispettivamente di 58mila euro, 35.566 euro, mentre un terzo è in regola con i pagamenti)”.

Anche quella sui conguagli è una polemica sul nulla: “Stiamo parlando di arretrati “fermi” da anni, finalmente aggiornati una volta per tutte. Gli inquilini sanno bene che possono rateizzare “su misura”. Inoltre, non è affatto vero che non ci sono le voci di spesa specificate: per ogni voce in fattura gli inquilini hanno un riepilogo ricevuto il mese prima analitico che spiega ogni importo. Chi ha dubbi o crede ci siano inesattezze può ovviamente rivolgersi agli uffici che sono sempre a disposizione. Ci sono poi inquilini a credito nei conguagli, che da anni aspettano di recuperare i loro soldi”.

Anche la polemica sui costi della sede è un ‘cavallo di Troia’: “Nel vecchio edificio non ci stavamo – spiega Genoni – e gli interventi programmati nelle ex sedi di Vercelli e Biella porteranno al recupero di nuovi alloggi e in prospettiva a maggiori entrate”.

“Canelli mi dà dello sceriffo – conclude Genoni – lo prendo come un complimento, perché l’alternativa sarebbe il mancato rispetto della legge. A differenza dello sceriffo di Nottingam, i soldi li chiediamo al Comune che li deve per le morosità e che continua ad ‘allungare il brodo’, non a quei cittadini che non possono pagare! Un altro tema è quello delle risorse versate dal Comune per le manutenzioni, opportunamente utilizzate da Atc per interventi sugli edifici. Una Atc efficiente ed equa, che non lascia correre le posizioni di chi pur potendo non paga è proprio quello che in questi anni ho cercato di riorganizzare tra il ‘fuoco incrociato’ di chi sembra voler coprire i ‘furbetti’”.
“Come a più riprese è stato detto, la partecipazione ai tavoli da novembre scorso era condizionata al pagamento da parte del Comune delle somme dovute per la solidarietà nelle morosità, non è stato versato nemmeno un euro. La richiesta di dimissioni dei Cinque Stelle pertanto è immotivata”.
 

Potrebbe interessarti

  • Nuovo ospedale di Novara, a rischio il progetto della Città della Salute

  • 5mila trapianti di rene eseguiti in Piemonte: l'ultimo a Novara

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

I più letti della settimana

  • Motociclista novarese di 25 anni muore in un incidente in Calabria

  • Novara, le baby gang tengono in ostaggio la zona del Carrefour di viale Giulio Cesare

  • Giovane novarese scomparso in Spagna: l'appello della famiglia

  • Incidente a Trecate, frontale prima dell'alba sulla provinciale: le auto prendono fuoco

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana di Ferragosto

  • Novara, armato di coltello semina il panico a Pernate

Torna su
NovaraToday è in caricamento