Simboli fascisti nell'ufficio di Atc: via gli oggetti, ma il presidente Songa non si dimette

Le dimissioni erano state richieste dai presidenti di Giunta e Consiglio regionale in una lettera inviata a Songa nei giorni scorsi

Luigi Songa

Via i primi oggetti "legati al fascismo" dal suo ufficio, ma niente dimissioni per il presidente di Atc Piemonte Nord Luigi Songa.

Songa ha raccolto solo a metà l'appello contenuto nella lettera inviatagli dal presidente Alberto Cirio e dal presidente del Consiglio Stefano Allasia, con cui la Regione chiedeva all'esponente di Fratelli d'Italia "l'immediata rimozione dagli uffici dell'ente di qualunque oggetto, documento o simbolo riconducibile al disciolto Partito nazionale fascista" e di "valutare seriamente l'opportunità di rimettere il mandato che ricopre".

Dopo la seduta del Consiglio regionale in cui si è discusso del "caso Atc", il presidente Songa ha quindi rimosso gli "oggetti incriminati" dal suo ufficio ma, almeno per il momento, resta ancora al suo posto alla guida dell'Agenzia territoriale per la casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Torna su
NovaraToday è in caricamento