← Tutte le segnalazioni

Altro

Caritas Diocesana: nella grande emergenza Novara risponde

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


“Don Giorgio vorremmo aiutare”: queste le parole che nelle ultime settimane il Direttore della Caritas Diocesana, Don Giorgio Borroni, si è sentito spesso rivolgere. Ditte, aziende, privati, in tanti stanno contribuendo con donazioni, con derrate alimentari di pasta, riso, altri prodotti. “Le persone non si voltano dall’altra parte”, mi dice Don Giorgio, Novara e tutta la provincia hanno contribuito ed ancora lo stanno facendo, alla grande emergenza alimentare di queste settimane. Perché accanto all’emergenza sanitaria è esplosa in modo evidente e prepotente la fragilità di una società che, si è trovata all’improvviso, a dover garantire la sussistenza alimentare primaria a tante famiglie.

Per il territorio novarese i numeri parlano da soli: in 15 giorni sono state aiutate con i pacchi alimentari 420 famiglie, di cui ben 290 non erano già seguite dai Centri di Ascolto, quindi nuove difficili situazioni che si sono create proprio a seguito dell’emergenza Covid19. Il progetto, il primo step, è partito in collaborazione con il Comune di Novara, “di cui noi siamo i collettori”. Le famiglie o i soggetti in difficoltà si sono rivolte al Comune e sono state aiutate, accanto a coloro che erano già seguiti dai Centri di Ascolto della Caritas. Attraverso Novacoop di Novara e grazie all’aiuto di Claudia ed Alessandra, i volontari Caritas hanno preparato in queste settimane i pacchi alimentari che sono stati portati a domicilio o consegnati presso i Centri di Ascolto; questo ha consentito di raggiungere in modo capillare tutti coloro che necessitavano di aiuto immediato per fronteggiare la prima emergenza alimentare.

Da oggi inizia la cosiddetta “fase 2”, la nuova modalità di sostegno è attraverso i buoni spesa gestiti direttamente dal Comune, quindi “invitiamo tutti coloro che ne hanno l’esigenza a rivolgersi direttamente al Comune di Novara”. Attraverso i Centri di Ascolto la Caritas Diocesana continuerà ad assistere le persone già in carico, “che sono particolarmente provate”, ricorda Don Giorgio Borroni, “in questa situazione che sta’ mettendo in ginocchio Novara, ma non solo, tutto il territorio nazionale”.

Per questo è importante ogni piccolo contributo, sia economico, sia in generi di necessità, che giungeranno attraverso la nostra Caritas territoriale direttamente a chi ne ha grande bisogno: https://caritasdiocesinovara.it/ https://emergenza.caritasdiocesinovara.it/.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento