Novara, pazienti non positivi al coronavirus spostati dall'ospedale alla clinica San Gaudenzio

L'operazione per avere più posti letto disponibili al Maggiore

Pazienti non positivi al coronavirus traferiti dall'ospedale Maggiore alla clinica San Gaudenzio per liberare posti letto.

Coronavirus, 59 decessi in Piemonte: l'età media è 81 anni

A seguito delle delibere regionali che consentono la stipula di accordi con le strutture private accreditate e  convenzionate per fronteggiare l’emergenza coronavirus, l’azienda ospedaliero-universitaria di Novara si è subito attivata con la Clinica San Gaudenzio per il trasferimento di alcuni pazienti, ora ricoverati presso l’Aou, alla struttura di via Bottini.

Coronavirus, il gruppo Caleffi dona un milione di euro a due ospedali

L’accordo prevede che, al momento, si tratti di pazienti con patologie non legate al coronavirus: l’obiettivo è quello di recuperare posti letto all’ospedale di Novara da dedicare ai pazienti positivi al coronavirus. Oggi sono stati trasferiti alla San Gaudenzio cinque ricoverati (tre uomini e due donne).

Continua in questo modo la rimodulazione del piano adottato dall’Aou di Novara per affrontare l’emergenza coronavirus, che prevede una progressiva riorganizzazione di diversi reparti dell’ospedale, riorganizzazione che ha portato finora a dedica 77 posti letto dedicati ai pazienti Covid positivi, di cui 30 tra terapia intensiva e subintensiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: il cambio di colore sarà sabato o domenica?

  • Coronavirus, il Piemonte rischia la zona arancione

  • Novara, tragedia al centro commerciale: si sente male e muore alle casse dell'Ipercoop

  • Incidente a Trecate, camion perde il carico e travolge tre auto: un ferito incastrato nell'abitacolo

  • Coronavirus, cosa è consentito fare in zona arancione: le regole per Novara e il Piemonte

  • Dpcm: le nuove regole per asporto, spostamenti, sci e scuole. Piemonte verso la zona arancione

Torna su
NovaraToday è in caricamento