Gozzano: il San Giuseppe non si ferma

I servizi educativi continuano attraverso uno schermo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Dal 24 febbraio le porte della Casa San Giuseppe si sono chiuse per l'emergenza coronavirus, ma i servizi educativi per bambini e ragazzi non si sono mai fermati. Fin dai primi di marzo è stato istituito uno sportello online sulla piattaforma Skype, per offrire quotidianamente un supporto pedagogico ed emotivo a bambini, ragazzi e famiglie: "Condividere la realtà del gruppo di pari anche attraverso un computer è stato un momento educativo importante", ha dichiarato Michela Prelli, educatrice del Cem, "ci ha fatto capire che potevamo continuare a costruire degli spazi di normalità in mezzo all'incertezza che stavamo vivendo".

Con l'introduzione e l'implementazione della didattica online, lo sportello è diventato uno strumento di supporto all'apprendimento, così come accadeva nei pomeriggi al Centro educativo e al Dse: "Ci siamo messi in gioco, per rendere tutto l'appalto tecnologico, che la scuola ha richiesto, accessibile", ha sottolineato Matteo Della Vecchia, direttore delle attività della Casa. "Gli strumenti e le piattaforme utilizzate rischiavano di amplificare situazioni di isolamento e discriminazione, per cui abbiamo cercato di essere inclusivi e valorizzare le potenzialità di ognuno, anche attraverso la rete".

Parallelamente allo sportello sono nate le serate di Giochi Senza Distanze, evento settimanale di intrattenimento per i ragazzi e le loro famiglie: "Crediamo davvero che tutti abbiano bisogno di momenti di svago, in cui distrarsi dalla fatica sociale che stiamo vivendo, e i nostri Giochi Senza Distanze servono proprio a quello e danno la possibilità alle famiglie di condividere un momento di spensieratezza", sostiene Giuse Ruga, coordinatrice dei servizi educativi della Casa. Queste proposte hanno coinvolto i ragazzi iscritti al Centro educativo così come quelli dei servizi educativi proposti in convenzione con il Comune di Gozzano, Doposcuola e Postscuola.

Cosa riserverà il futuro? L'èquipe educativa è già al lavoro per la progettazione del futuro, siano essi i centri estivi come i servizi connessi con la riapertura delle scuole, consapevoli che molto è ancora in definizione a livello normativo, per garantire la sicurezza di bambini e famiglie. Sul sito www.sangiuseppegozzano.it è possibile trovare tutte le informazioni aggiornate e le novità sui servizi, non appena ci saranno conferme e autorizzazioni sul piano normativo.

Torna su
NovaraToday è in caricamento