rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca

Energia: al via un nuovo progetto della Provincia di Novara

Si tratta della mappatura dei condomìni del Novarese per comprendere l'incidenza degli impianti di riscaldamento centralizzato sulle emissioni inquinanti. Sozzani: "Il rispetto per l'Ambiente è una prerogativa per qualsiasi amministrazione"

Una mappatura dei condomini del novarese, per comprendere l’incidenza degli impianti di riscaldamento centralizzato sulle emissioni inquinanti.

E' questo il nuovo progetto della Provincia di Novara che, nell’ambito della programmazione per il risparmio energetico, accoglie la disponibilità dell’azienda Domotecnica per una campagna di diagnosi energetica gratuita degli stabili condominiali ad impianto centralizzato.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina, lunedì 19 marzo, a Palazzo Natta dal presidente della Provincia Diego Sozzani, e dagli assessori all’Ambiente Oliviero Colombo, e ai Rapporti con il territorio Antonio Tenace.

"Il rispetto per l’Ambiente - ha commentato Sozzani - è una prerogativa per qualsiasi amministrazione, tanto più se la sostenibilità è applicata al risparmio e alla sicurezza".

Dopo la sostituzione degli impianti in tutte le scuole di competenza provinciale, grazie a risorse reperite extra bilancio, una collaborazione gratuita con il privato consentirà all’Ente di elaborare un dossier sulla dispersione e il consumo energetico in tutti gli 88 Comuni del territorio.

"Un passaggio fondamentale - ha precisato Sozzani - visto che proprio il riscaldamento, assieme agli scarichi delle automobili, contribuisce pesantemente all’aumento delle polveri sottili".

"Le politiche ambientali promosse dall’assessorato - ha osservato l'assessore Colombo - si traducono con effetti positivi a breve termine, nel caso di picchi d’inquinamento eccessivamente elevati, mentre a medio-lungo raggio bisogna attuare una programmazione lungimirante e precisa".

Una volta terminato il monitoraggio, la Provincia avrà a disposizione un check up, una base sulla quale elaborare politiche sostenibili sempre più mirate.

"Sono già numerose - ha precisato l’assessore Tenace - le richieste di intervento e informazione; d’altronde il risparmio energetico risponde alle tre linee guida dall’Unione Europea: ridurre i gas, i consumi e aumentare la produzione di energia rinnovabile".

"Una parte significativa delle 161 mila famiglie del novarese - ha commentato il responsabile tecnico di Domotecnica/divisione condomini Fabrizio Ferrari - abita condomini con impianti centralizzati, realizzati tra gli anni ‘50 e ’80. Ciò comporta una notevole dispersione di energia, anche in virtù di infissi e strutture spesso obsolete".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia: al via un nuovo progetto della Provincia di Novara

NovaraToday è in caricamento