rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Elezioni Oleggio

Elezioni comunali 2024, "Oleggio Grande" ha il suo candidato: "Noi tranquilli e coerenti"

Il gruppo consigliare ha scelto Marco Grazioli, ex Pd e dal 2020 di nuovo in politica

A praticamente sei mesi dalle prossime elezioni comunali previste per il giugno 2024 il fermento nelle città è ormai avviato e iniziano a comparire i primi nomi. Il gruppo "Oleggio Grande" dell’omonima città ha scelto il proprio candidato: Marco Grazioli.

L’oleggese è stato assessore dal 2005 al 2009 (giunta Ferrara) con delega ad Ambiente, Ecologia, Protezione civile e Arredo urbano. È stato poi consigliere in opposizione dal 2009 al 2014. Iscritto al Pd, è stato responsabile organizzativo provinciale e segretario cittadino fino al 2019. Si è preso poi una pausa dall’attività politica, senza rinnovare alcuna tessera di partito per vari motivi, tra cui quelli personali. Dal 2020 si affaccia di nuovo alla politica e lavora insieme a Oleggio Grande sulle varie attività; il suo impegno attivo è ripreso nel momento in cui Alessandra Gibbin ha sostituito Giancarlo Miranda in Consiglio. Nel 2022 è entrato nel direttivo di Oleggio Grande. "Perché questa scelta? Me lo hanno chiesto e dopo essermi confrontato anche con i miei figli, ormai grandi, ho scelto di mettermi in gioco, - dice - ho passione per la politica e così ho cominciato a rivedere con il gruppo un po’ di cose. Al di là di eventuali appartenenze politiche si sta parlando di un lavoro civico". 

Grazioli è stato presentato in una assemblea pubblica pochi giorni fa: "C’erano 60 persone e la metà di queste 'nuove', significa che c’è fervore. I cittadini affiderebbero mai una loro proprietà a persone di questo tipo che stanno ora governando e di chi invece sta manovrando dall’esterno? A me non sembra che stiano facendo il meglio per conquistare la fiducia". Fiducia infatti è la parola chiave secondo Oleggio Grande: "Ciò che ci interessa, - spiega Grazioli - ogni cittadino deve riconoscersi in noi e nella nostra proposta politica. Siamo una lista aperta, non abbiamo preclusioni anche per altri partiti, stiamo parlando della nostra città e non del governo nazionale. Noi siamo tranquilli e coerenti, attrezzati per fare bene. Vedremo cosa diranno e faranno gli altri".

Un po’ di dialoghi sono cominciati: "Noi abbiamo parlato con tutti i partiti che non sono rappresentati attualmente nel consiglio comunale e nel centrodestra, Pd, 5 Stelle, Socialisti, Unione popolare, Azione, abbiamo fatto un passaggio con Italia Viva, unici che non si sono sbilanciati nei nostri confronti".

E sulla situazione attuale con il rimpasto di giunta: "Nel Centrodestra si stanno evidenziando solo dei personalismi, è in corso una telenovela. Massimo Marcassa è sparito da Oleggio per quattro anni e si è palesato lo scorso magicamente, ora Fratelli d’Italia sta facendo un investimento di risorse incredibile con sedi faraoniche, forse sta mettendo in piedi una resa dei conti. Penso che gli oleggesi debbano farsi due domande".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali 2024, "Oleggio Grande" ha il suo candidato: "Noi tranquilli e coerenti"

NovaraToday è in caricamento