rotate-mobile
Politica

Provincia di Novara: Consiglio unito sull'ipotesi del Quadrante

L'assemblea di ieri pomeriggio, giovedì 27 settembre, ha votato all'unanimità l'unico punto all'ordine del giorno del Consiglio provinciale straordinario: il riordino delle autonomie locali e l'unione dei territori di Novara, Vercelli, Biella e Vco

Un Consiglio provinciale, per la prima volta, unito sull'ipotesi di Quadrante e il futuro delle province del Piemonte Orientale.

E' stato votato all'unanimità, nella seduta straordinaria di ieri pomeriggio, giovedì 27 settembre, l'unico punto all'ordine del giorno: il riordino delle province. Nel quale, il Consiglio provinciale impegna il presidente e l’amministrazione provinciale a richiedere che gli organi istituzionali dell’ente Provincia continuino ad essere eletti direttamente dai cittadini, a garanzia della democrazia.

Non solo, i consiglieri provinciali tutti hanno inoltre manifestato la disponibilità ad affrontare il cambiamento lavorando sulla soluzione della Provincia di Quadrante, con cui si unirebbero i territori di Novara, Vercelli, Biella e Verbania, come già proposto in sede Upp (Unione province piemontesi).

E' volontà del Consiglio provinciale, definire "Un percorso condiviso di riordino complessivo della pubblica amministrazione - si legge nell'ordine del giorno - funzionale al raggiungimento della soglia ritenuta idonea alla realizzazione di economie di scala, tali da garantire un innalzamento dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione di governo locale in un’ottica di maggiore funzionalità e miglioramento dei servizi".

Il documento, passato all'unanimità, sarà trasmesso al Cal (Consiglio delle autonomie locali) del Piemonte, alla Regione Piemonte, al Governo, ai parlamentari novaresi, all'Unione delle Province Piemontesi e all'Unione delle Province Italiane. Entro il 2 ottobre il Cal dovrà inviare in Regione la proposta sul riordino delle province.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia di Novara: Consiglio unito sull'ipotesi del Quadrante

NovaraToday è in caricamento