Attualità

Aggressione ai danni di uno studente, lo sdegno e la preoccupazione di Canelli

Il sindaco chiede il coinvolgimento di tutte le forze dell'ordine per garantire la sicurezza in stazione

Sdegno e preoccupazione nella dichiarazione del sindaco di Novara, Alessandro Canelli, dopo l'aggressione di ieri pomeriggio, lunedì 18 settembre, avvenuta nei pressi della stazione ai danni di uno studente che è finito in ospedale.

"Si tratta di un soggetto irregolare sul territorio italiano, senza fissa dimora e, mi dicono, con precedenti penali il quale era già stato arrestato la scorsa settimana per una rapina e poi scarcerato il giorno successivo con l'obbligo di non rimanere nel territorio della città. Lo stesso soggetto stamattina è stato peraltro denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale, dopodiché ha aggredito un ragazzino alla fermata del pullman alla stazione. È evidente che si tratta di un soggetto che non doveva essere in giro per la città ed è evidente che nel sistema c'è qualcosa che non va e che le leggi attuali non consentono di difendere adeguatamente i cittadini da soggetti di questo genere.

Ringrazio i vigili che erano presenti in stazione e che sono intervenuti a seguito dell'aggressione, bloccando il soggetto ed ammanettandolo dopo una colluttazione che ha provocato loro fortunatamente pochi danni fisici, nonostante il soggetto fosse molto aggressivo, mentre i vigili potevano semplicemente tentare di fermarlo. I monitoraggi della stazione vengono svolti tutti i giorni dalla polizia locale ed anche in virtù di questo si è riusciti ad intervenire immediatamente.

Ora però, con la ripresa delle scuole, abbiamo bisogno di un maggiore aiuto da parte di tutte le forze dell'ordine perché la questione dei controlli e monitoraggi alla stazione non puó essere lasciata in mano quasi esclusivamente alla polizia locale.
Guarda caso sono quasi sempre extracomunitari o persone irregolari quelle che creano problemi di sicurezza pubblica.
Per questo auspichiamo non solo un rafforzamento dei controlli e del monitoraggio nella zona sensibile della stazione, ma anche un blocco degli arrivi di nuovi migranti clandestini nella nostra città. Non possiamo permetterci che arrivino ancora persone pericolose a discapito della sicurezza dei nostri cittadini.

Novara è sempre stata una città tranquilla e non vogliamo che alcune scene che vediamo in altre città italiane si verifichino anche qui da noi .
Spero che il ragazzo non abbia subito danni fisici gravi e che si possa riprendere in fretta, così come il pensiero va a quei ragazzi che purtroppo sono stati vittima di aggressione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione ai danni di uno studente, lo sdegno e la preoccupazione di Canelli
NovaraToday è in caricamento