Attualità

Coronavirus, proseguono i lavori per la nuova terapia intensiva all'ospedale Maggiore di Novara

Il reparto, finanziato da Fondazione De Agostini, sarà utile anche dopo l'emergenza

Stanno procedendo a pieno ritmo i lavori per la realizzazione di una nuova terapia intensiva/semi-intensiva da realizzarsi nei locali adiacenti al Pronto Soccorso dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara: un’opera che è stata finanziata da Fondazione De Agostini con 500 mila euro.

I lavori sono iniziati il 14 aprile: il progetto prevede il recupero, mediante una completa ristrutturazione edile e impiantistica, di spazi esistenti aventi una superficie di circa 180 mq (là dove era stato realizzato l’ambulatorio Terapia anticoagulante orale) per la creazione di 8 posti letto ad elevata intensità di cura.

Una prima parte dell’intervento ha riguardato la demolizione delle strutture esistenti, il rafforzamento del solaio e la costruzione delle tramezzature interne. Sono stati affidati una serie di appalti per altri lavori: fornitura e posa di serramenti interni; applicazione di pavimenti e rivestimenti in linoleum; acquisto e posa di unità di trattamento aria e gruppo frigo dedicato. Il tutto dovrebbe essere completato tra la fine di maggio e la metà di giugno. "La donazione della Fondazione De Agostini – ricorda il dott. Mario Minola, direttore generale dell’Aou - ci consentirà di avere a disposizione una struttura di fondamentale importanza per gestire le situazioni d’emergenza, non solo nella situazione attuale ma anche in modo stabile in futuro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, proseguono i lavori per la nuova terapia intensiva all'ospedale Maggiore di Novara

NovaraToday è in caricamento