Intossicata dal monossido di carbonio in casa: aostana ricoverata a Fara

La donna è stata ricoverata per un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza presso la casa di cura I Cedri

Foto di archivio

E' stata ricoverata a Faa Novarese la donna di Valpelline, in provincia di Aosta, vittima di un'intossicazione da monossido di carbonio.

La donna, classe 1964, nel pomeriggio di ieri, lunedì 7 gennaio, è stata infatti sottoposta ad un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza presso la casa di cura I Cedri.

La donna si era recata presso l’ospedale di Aosta dopo aver accusato sensazione di malessere e di svenimento. Ha riferito ai sanitari di essere stata esposta alle esalazioni di una stufa a legna all’interno della propria abitazione. Le è stata diagnosticata un’intossicazione da monossido di carbonio ed è quindi stata posta l’indicazione di un trattamento di ossigeno terapia in camera iperbarica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La paziente, come da convenzione, è rimasta degente presso il reparto di Medicina della casa di cura di Fara Novarese, per essere sottoposta ad un nuovo trattamento di ossigeno terapia di consolidamento nella giornata di oggi, martedì 8 gennaio. Il quadro clinico risulta in miglioramento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Torna su
NovaraToday è in caricamento