Cronaca

Novara, controlli sui rider: trovati tre casi di caporalato digitale

Tre persone sono state segnalate per cessione abusiva dell'account. In regola invece i mezzi utilizzati

Controlli dei carabinieri, anche a Novara, sui rider delle più note piattaforme di consegna di cibo. 

La sera del 24 marzo, in tutta Italia, i militari del comando per la tutela del lavoro hanno effettuato controlli straordinari per individuare forme di sfruttamento lavorativo, realizzate attraverso la cessione delle credenziali di accesso alle piattaforme di food delivery. Si tratta di un vero e proprio caporalato digitale: i rider infatti devono essere registrati sulle piattaforme per poter lavorare, ma non è insolito che la procedura venga effettuata da qualcun altro, che poi cede le proprie credenziali in cambio di un compenso. I controlli sono stati effettuati anche sugli orari di lavoro, le condizioni di sicurezza e l'idoneità dei mezzi utilizzati.

A Novara nello specifico sono stati controllati 11 rider da carabinieri e polizia locale, nell'area del centro commerciale San Martino e all’Angolo delle Ore: in tre casi si è riscontrata una cessione dell'account da parte di cittadini pakistani, ora accusati di intermediazione illecita, mentre tutti i veicoli controllati sono risultati in regola. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, controlli sui rider: trovati tre casi di caporalato digitale
NovaraToday è in caricamento