Non si ferma all'alt della polizia: inseguimento a 200 chilomentri all'ora sull'A26

E' successo martedì. Protagonista della vicenda un automobilista di 43 anni, che è stato poi fermato dagli agenti e, dopo il controllo, è risultato ubriaco

Foto di repertorio

Non si ferma all'alt della polizia e fugge a tutta velocità per evitare l'alcol test. E' successo nei giorni scorsi, martedì 30 ottobre, sull'A26.

Gli agenti della Stradale decidono di fermare un automobilista all'altezza della Barriera del Lago Maggiore. L'uomo, un 43enne del Vco, però non si ferma e, anzi, schiaccia il pedale dell'acceleratore, sfrecciando a 200 chilometri all'ora sull'autostrada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ne nasce un inseguimento, che si conclude dopo pochi chilometri: fermato dagli agenti, l'uomo viene sottoposto all'alcol test, a cui è risultato positivo. L'uomo è quindi finito nei guai per guida in stato di ebbrezza e per non essersi fermato all'alt della polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • É morto Marco Tancini, il motociclista 32enne grave dopo un incidente

  • Le spiagge più belle del Lago Maggiore e del Lago di Mergozzo - Aggiornato 2020

  • Trecate, ancora lite e sangue in vicolo Bordiga

  • Morto all'ospedale Maggiore il motociclista di 29 anni ferito nell'incidente a Suno

  • Autostrada A4: si sente male in auto e muore

  • Maltempo: violenti nubifragi, strade e cantine allagate nella Bassa Novarese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento