Polizia, il Sap di Novara alla manifestazione sotto casa di Renzi

Giovedì una delegazione novarese del Sindacato autonomo di polizia era a Pontassieve (Firenze), paese di residenza del premier Matteo Renzi, per protestare contro le recenti scelte politiche del Governo

C'era anche il Sap di Novara, giovedì 3 dicembre, alla manifestazione organizzata dal Sindacato autonomo di polizia e dalla Consulta sicurezza a Pontassieve (Firenze), paese di residenza del premier Renzi.

"Lo scopo - ha commentato il segretario provinciale del Sap di Novara Michele Frisia - era quello di esternare con forza la nostra contrarietà verso le recenti scelte politiche che hanno seguito i tragici eventi di Parigi. La sicurezza non si ottiene con gli spot, come quello della promessa di nuovi 80 euro destinati agli operatori della sicurezza, ma con interventi professionali e strutturati".

Secondo il Sap, infatti, "servono investimenti sull'equipaggiamento ormai logoro, e sulla crescita e formazione del personale: gli agenti che ogni giorno rischiano in prima persona (6mila feriti fra le forze dell'ordine in un solo anno) sono la vera risorsa della polizia. E anche sul piano economico, il Sap non può accontentarsi di una 'paghetta' dal Governo, quando la Corte Costituzionale ha decretato senza mezzi termini che i contratti di lavoro vanno rinnovati, che non si può continuare con quelli scaduti ben sei anni fa".

"Il sistema sicurezza - ha sottolineato ancora Frisia - è in difficoltà per via delle scelte sbagliate degli ultimi dieci anni, per via del continuo rincorrersi delle 'emergenze' trattate come fuochi di paglia e per via dei tagli indiscriminati. Prendiamo la Questura di Novara ad esempio: il personale è sempre meno e sempre più anziano; le risorse sono contingentate, a cominciare dalle più banali, come la carta per stampare gli atti di polizia; le auto, cariche di chilometri, sono quasi tutte diesel e di piccola cilindrata, anche per i servizi più delicati dove servirebbero vetture ben più potenti. Senza dimenticare le enormi difficoltà che si riscontrano ogni volta per reperire i fondi per aggiustare quello che si rompe, dagli ascensori al riscaldamento".

"A Firenze il Sap si è però reso conto anche di qualcos'altro - ha aggiunto Frisia -. Per tre volte la sede autorizzata per la nostra manifestazione è stata spostata d'imperio dalla Questura, fino a relegarci all’estrema periferia di Pontassieve impedendoci di posizionarci davanti alla casa di Renzi. Inoltre è stato predisposto un imponente servizio d'ordine: decine e decine di poliziotti e carabinieri, per vigilare su cosa? Sui loro stessi colleghi?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, decreto per Natale: no agli spostamenti tra comuni e regioni per le feste

  • Dpcm del 3 dicembre, le nuove regole per Natale 2020: cosa cambia a Novara

  • Novara, anziana trovata morta in un appartamento in centro

Torna su
NovaraToday è in caricamento