Cronaca

Novara, sgominata una "setta": adepti accusati di riduzione in schavitù e reati sessuali

Le indagini sono durate due anni

Uno dei "riti" della setta

26 perquisizioni tra le province di Novara, Milano, Genova e Pavia per scoprire le attività di una "psico-setta".

La polizia nella notte del 19 luglio ha fatto scattare l'operazione Dioniso, dopo oltre due anni di indagini della squadra mobile di Novara e del servizio centrale operativo, coordinate dalla direzione distrettuale antimafia della procura di Torino. Si è scoperta così l’esistenza di una potentissima “psico-setta”, con base operativa nella provincia di Novara e diramazioni nella città di Milano e nel pavese, i cui adepti, prevalentemente di sesso femminile, ma con a capo un uomo, oggi 77enne, si sono resi responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù ed alla commissione di numerosi e gravi reati in ambito sessuale, anche in danno di minori.

Maggiori dettagli dopo la conferenza stampa in questura convocata per questa mattina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, sgominata una "setta": adepti accusati di riduzione in schavitù e reati sessuali

NovaraToday è in caricamento