Economia

Amazon, a Novara il nuovo centro di distribuzione: sarà operativo dall'autunno

La struttura sorgerà ad Agognate e creerà 900 posti di lavoro entro tre anni dall'apertura

Il nuovo centro Amazon a Novara

Aprirà a Novara il nuovo centro di distribuzione di Amazon, che creerà, annuncia l'azienda in una nota stampa, 900 posti di lavoro entro tre anni dall'apertura.

La struttura è situata ad Agognate: il centro, la cui costruzione è realizzata da Vailog srl (Gruppo Segro), sarà dotato dell’avanzata  tecnologia Amazon Robotics con un’attenzione particolare alla salute e al benessere dei dipendenti. "Questa tecnologia - si legge nella nota stampa dell'azienda - consente di ridurre i tempi di percorrenza portando gli scaffali direttamente alla loro postazione".

Il nuovo centro di Novara ricoprirà un ruolo chiave all’interno della rete dei centri di distribuzione dell’azienda in cui i dipendenti prelevano, impacchettano e spediscono gli ordini che saranno poi consegnati ai clienti.  Il centro sarà operativo entro il prossimo autunno e sarà, confermano da Amazon, una struttura sostenibile che integrerà sistemi per il risparmio energetico riducendo l’impronta ambientale. Anche la mobilità avrà un’impronta di sostenibilità in quanto i parcheggi saranno dotati di colonnine di ricarica per le auto elettriche e inoltre verrà e incentivato il sistema di trasporto tramite biciclette con la realizzazione di una nuova pista ciclabile i per incrementare i percorsi cittadini. Per preservare l’equilibrio e la biodiversità del territorio, saranno inoltre realizzate aree verdi e spazi alberati adeguatamente progettati nell’armonia dell’insieme. A Novara la progettazione del verde, pensata per integrarsi con il contesto, ha l’obiettivo di riqualificare l’area rurale e boschiva con un’attenzione particolare alla preservazione della flora e della fauna: 15 ettari dedicati a verde con 1.500 tra arbusti ed alberi, la riqualificazione di 9 ettari del bosco di Agognate con 11.000 nuovi alberi, insieme all’utilizzo di sole specie autoctone, rappresentano solo una parte delle iniziative a tutela dell’ecosistema locale. Il progetto prevede infatti la riqualificazione di un tratto delle sponde del canale Cavour, la rinaturalizzazione delle sue sponde nell’ottica di garantire la biodiversità di flora e fauna. Barriere vegetali infine verranno create tra le aree naturali e quelle urbanizzate a protezione della fauna.

"L’apertura entro il prossimo autunno del nuovo centro Amazon a Novara, presso il polo logistico di Agognate - ha commentato il sindaco di Novara Alessandro Canelli - costituisce un avvenimento assolutamente positivo per la città e per il nostro territorio. Lo è innanzitutto perché la presenza di Amazon porterà 900 nuovi posti di lavoro (tra cui figure professionali altamente specializzate) in un momento in cui la necessità di nuova occupazione è più che mai sentita, soprattutto come conseguenza della pandemia che sta fortemente penalizzando il tessuto economico del nostro Paese e del territorio in cui viviamo. L’insediamento di Amazon a Novara, inoltre, garantisce la presenza di un operatore serio che lavorerà con tecnologie innovative e nel rispetto di parametri di sostenibilità ambientale con standard molto elevati".

Al via la selezione del personale

Amazon è già in procinto di avviare il processo di selezione presso il nuovo centro logistico per le posizioni manageriali, tecniche e le funzioni di supporto a cui sarà possibile candidarsi accedendo a questo link. La selezione degli operatori di magazzino avrà inizio in primavera. I dipendenti saranno assunti al quinto livello del Contratto nazionale del Trasporto e della Logistica con un salario d’ingresso di 1.550 euro lordi e numerosi benefit, che includono sconti per i dipendenti su Amazon.it e un’assicurazione integrativa contro gli infortuni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amazon, a Novara il nuovo centro di distribuzione: sarà operativo dall'autunno

NovaraToday è in caricamento