menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Novara, niente tassa rifiuti giornaliera per i nuovi dehors

Il Governo ha già prorogato anche la gratuità della tassa per l'occupazione di spazi e aree pubbliche

I nuovi dehors, installati da bar e locali per aumentare la capienza per mantenere il distanziamento tra i tavoli, non pagheranno la tassa rifiuti giornaliera.

Nella giornata di martedì la Giunta comunale ha infatti approvato la proposta di delibera che sarà presentata al Consiglio relativa all’esonero della Tarig dal 1° maggio al 31 dicembre per i pubblici esercizi. “Dopo il lockdown dei mesi scorsi – spiega l’assessore al Bilancio Silvana Moscatelli – abbiamo sostenuto queste attività consentendo loro un ampliamento dei dehors, dando così la possibilità di avere maggiore spazio a disposizione dei clienti, nel rispetto delle normative di sicurezza. In situazioni ordinarie, sui dehors è prevista una tassa rifiuti giornaliera, la Tarig. La Giunta questa mattina ha deciso di proporre al Consiglio comunale (che dovrà deliberare) l’esonero della Tarig dal 1° maggio al 31 dicembre per tutte le imprese di pubblico esercizio titolari di nuove concessioni o autorizzazioni”.

I titolari di pubblici esercizi che abbiano chiesto e ottenuto l’ampliamento del proprio dehors, dunque, saranno esentati dal pagamento della Tarig sui nuovi volumi di spazio acquisiti. “In questo modo – continua Moscatelli – andiamo incontro alle evidenti difficoltà economiche che in tre mesi di chiusura hanno pesato su questo genere di attività, così come per molte altre, nel rispetto della normativa nazionale che ha esonerato dalla Tosap, ma non dalla Tari giornaliera. Dopo questo primo passaggio in Giunta, la delibera verrà portata in Consiglio per il dibattito generale e l’approvazione definitiva”.

“Il Governo ha prorogato la gratuità della Tosap – aggiunge l’assessore al Commercio Elisabetta Franzoni – fino al 31 dicembre (doveva scadere il 30 ottobre) per le nuove concessioni di dehor e ampliamento degli spazi a causa della pandemia, come da decreto del 14 agosto 2020- articolo 109. In questa difficile fase della ripresa, era necessario alleggerire ulteriormente un settore che ha attraversato un periodo molto pesante dal punto di vista economico. Per l’ampliamento dei dehors, dunque, non si pagherà, oltre alla Tosap, nemmeno la Tarig che sostanzialmente è la tassa rifiuti che normalmente si riscuote a giornata. Un sostegno doveroso verso la ripresa del commercio e nello specifico dell’attività di bar e ristoranti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

  • Attualità

    Coronavirus, come procedono i vaccini in Piemonte?

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento