rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Economia

Cresce l'export novarese: +10,6% nel quarto trimestre 2015

A trainare la ripresa soprattutto le esportazioni verso gli Stati Uniti. Ecco i dati dell’Osservatorio export di Fondazione Edison e Ain

A fine 2015 gli Stati Uniti hanno trainato la ripresa dell’export novarese. Soprattuto grazie agli Usa, infatti, nel quarto trimestre dello scorso anno le esportazioni della provincia di Novara sono aumentate del 10,6% rispetto allo stesso periodo del 2014, mentre a livello nazionale l’incremento è stato del 2,6%. 

I dati, elaborati dall’Osservatorio sull’export attivato dalla Fondazione Edison in collaborazione con l'Associazione Industriali di Novara, segnalano un forte aumento rispetto al trimestre precedente (che aveva registato un +1,4%), a fronte del rallentamento della crescita media dell’Italia (+3,2% tra luglio e settembre scorsi). Anche il dato relativo all’intero 2015 premia la provincia di Novara, che registra una crescita tendenziale del 4,4%, contro il +3,8% italiano.

Considerando le sole esportazioni manifatturiere, l’incremento tendenziale in tutto il 2015 è stato del 4,5%, raggiungendo un valore complessivo di quasi 4,64 miliardi di euro. Il settore che l’anno scorso è cresciuto di più è stato quello degli articoli farmaceutici (+33%), seguito dai mezzi di trasporto (+24,8%) e da quello, economicamente meno significativo, dei computer e degli apparecchi elettronici e ottici (+22,4%).

Nel 2015 l’export di prodotti in metallo è cresciuto del 7,1%, quello degli alimentari, bevande e tabacco del 7,7%. Un +7,7% hanno registrato anche i prodotti dell’aggregato tessili-abbigliamento-pelli-accessori, in cui spiccano le buone performance del piccolo comparto dei filati di fibre tessili (+16,6%) e di quello, più consistente, degli articoli di abbigliamento (+14,7%); anche l’export di tessuti è aumentato (+1,5%), invertendo la rotta rispetto ai trimestri precedenti.

L’export di macchine e apparecchi ha registrato un incremento del 2,1% e al suo interno quello delle "macchine di impiego generale", che incorpora la rubinetteria e il valvolame, è cresciuto dell’1,2%. Solo il comparto del coke e dei prodotti petroliferi raffinati è risultato in flessione (-11,9%), insieme quello delle sostanze e prodotti chimici (-0,8%).

La ripartizione geografica ha registrato, nel 2015, una crescita del 4,5% delle esportazioni manifatturiere dirette all’interno dell’Unione Europea e del 4,3% di quelle dirette verso i mercati extra-europei. Nel complesso le esportazioni di manufatti dirette verso i Paesi Ue, pari a quasi 2,8 miliardi di euro, hanno rappresentato il 59,8% del totale, mentre quelle dirette verso i mercati extra-Ue, pari a quasi 1,9 miliardi in valore, sono state il 40,2% del totale.

"Quanto ai singoli mercati di sbocco - ha spiegato Marco Fortis, vicepresidente della Fondazione Edison - il dato più significativo del 2015 è la forte crescita dell’export verso gli Stati Uniti (+44,6%), che diventano il quarto Paese di destinazione delle esportazioni novaresi guadagnando una posizione, rispetto al 2014, a danno del Regno Unito, che nel 2015 si posiziona quinto. I principali mercati di sbocco delle manifatture novaresi si confermano Germania, Francia e Svizzera: l’export verso questi tre paesi, pari complessivamente a 1,9 miliardi di euro, rappresenta oltre il 40% del totale. Se insieme a questi Paesi consideriamo anche Stati Uniti e Regno Unito, l’export raggiunge i 2,5 miliardi, pari a circa il 55% delle esportazioni manifatturiere provinciali. I rimanenti Paesi rientranti nella classifica dei dieci principali mercati di sbocco si confermano Spagna (+8%), Paesi Bassi (+15,3%), Polonia (+8,9%), Belgio e Turchia, ricalcando lo stesso ordine dell’anno precedente. Dal punto di vista delle performance, nel 2015 si osserva un incremento dell’export verso tutti i principali mercati di sbocco della provincia di Novara, con l’eccezione della Svizzera (-1,1%), del Belgio (-2,1%) e della Turchia (-4,2%)".

Il "focus" relativo all’export manifatturiero della provincia di Novara verso i Paesi "Bric" ha registrato nel 2015 un valore di 162,7 milioni di euro, in flessione del 10,9% rispetto al 2014. La Russia, con 64,5 milioni, rimane il principale Paese di destinazione, seguita dalla Cina (51,7 milioni), dall’India (29,1 milioni) e dal Brasile (17,4 milioni), confermando la classifica di importanza dello scorso anno. Dal punto di vista delle performance, l’export dell’anno scorso è calato verso la Russia (-22,9%) e il Brasile (-27,8%), mentre è aumentato verso l’India (+2,1%) e la Cina (+11,6%). Considerando il solo quarto trimestre del 2015 si rileva, come già nel trimestre precedente, l’incremento dell’export manifatturiero provinciale verso la Cina (+41,5%), mentre continua a flettere quello verso gli altri tre "Brics".

Anche sul fronte delle importazioni manifatturiere il dato più significativo del 2015 riguarda la forte crescita dell’import dagli Stati Uniti (+28,6%) che si affermano come il principale Paese di approvvigionamento della provincia di Novara, scavalcando Germania (-4,8%) e Francia (+2%), rispettivamente al secondo e al terzo posto. L’import da questi tre Paesi ammonta a 1,1 miliardi di euro, pari a oltre il 45% del totale. Nel resto della classifica dei principali Paesi di importazione si confermano gli stessi player dello scorso anno, nel seguente ordine: Cina, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Regno Unito, Turchia e Svizzera. In particolare, il Regno Unito (-7,8%) scivola dal sesto all’ottavo posto, la Turchia (-16,6%) dall’ottavo al nono; il Belgio (+24,5%) sale dal settimo al sesto posto, la Spagna (+36,9%) dal nono al settimo, mentre Cina (+6,9%) e Paesi Bassi (-3,1%) si confermano quarta e quinti; la Svizzera (+9,5%) rimane decima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce l'export novarese: +10,6% nel quarto trimestre 2015

NovaraToday è in caricamento