Nel novarese arriva il 'Flat-food', l'abbonamento al pranzo a domicilio

Un progetto pilota che sostiene l'ambiente e l'economia del territorio, nato dall'iniziativa di una giovane imprenditrice novarese nel campo della ristorazione

Foto di repertorio

Un pranzo completo ogni giorno diverso, preparato con prodotti freschi e a chilometro zero, consegnato direttamente a casa dal lunedì al venerdì, grazie ad un abbonamento a prezzo fisso, che può essere mensile o anche settimanale. Nel novarese arriva infatti il progetto pilota 'Flat-food'.

Un servizio utile in questo nuovo periodo di lockdown per studenti a casa alle prese con gli orari della didattica a distanza, per i lavoratori in smart working, per le persone anziane e per tutte quelle costrette in casa per motivi di salute. Ma anche un modo per promuovere il valore dell’alimentazione varia e salutare, del rispetto dell’ambiente, per far conoscere la qualità dei prodotti delle aziende locali e per sostenere l’economia del territorio.

A concretizzare, tra i primi nel novarese, l'idea dell'abbonamento 'flat' (come avviene per esempio per i servizi telefonici, di trasporto e di svago) per un servizio di ristorazione a domicilio, è la giovane imprenditrice Claudia Fonio, titolare dell'agriturismo Al Pum Rus a Sozzago, gestito insieme al marito Luca Fossati, che dell’attività è il responsabile commerciale e amministrativo.

"E' un progetto pilota - ha spiegato Claudia Fonio - sperimentato in Italia all'inizio di quest'anno da un ristorante di Padova e da uno di Ravenna, gli unici finora, di cui si ha notizia. La situazione in cui ci troviamo nuovamente, con il locale aperto solo per l'asporto e le consegne a domicilio, hanno accelerato la voglia di provarlo anche da noi. Nella box ci sono un primo, un secondo, due contorni, il pane e la frutta. Tutto fresco, preparato al momento e ogni giorno combinato diversamente. Tra le proposte ci sono riso, pasta fresca e ripiena, carne di vario tipo, taglio e cottura, verdure e frutta di stagione. Possiamo fornire anche le varianti per vegetariani e senza glutine per celiaci. Questo sistema ci permette di far conoscere i prodotti agroalimentari d'eccellenza che abbiamo nel nostro territorio, alcuni prodotti direttamente da noi, altri garantiti da aziende locali di qualità nostre fornitrici. Ma ci permette anche di promuovere il tema della sostenibilità ambientale, al quale teniamo molto, che è il cardine della nostra attività. Un esempio che si può davvero toccare con mano è ad esempio il packaging: i contenitori che arrivano a casa sono di materiale ecologico e biodegradabile. In questo particolare momento, inoltre, può essere un servizio utile per chi deve rimanere sempre a casa".

In queste settimane la formula abbonamento permette anche di offrire una garanzia di continuità lavorativa all’impresa e alla filiera, consentendo così alla macchina che sta dietro ad ogni pasto consegnato di guardare al domani con fiducia: "Questo periodo di chiusura, sommato a quello della primavera scorsa e alle limitazioni degli ultimi mesi - ha aggiunto Fonio - sta mettendo a dura prova chi lavora nel campo della ristorazione, ma anche la filiera. Noi ci siamo adattati alle disposizioni previste dai decreti, abbiamo dovuto anche sospendere la formula buffet che ci caratterizzava e modificare la gestione del personale per fare servizio al tavolo, cosa che al momento non possiamo comunque fare. Anche quando però potremo finalmente tornare ad ospitare i clienti nel locale, la nostra intenzione è di mantenere la formula del 'flat-food a domicilio'. E' una nuova proposta che si aggiunge al nostro servizio di delivery, ribattezzato ‘DeliveRus', nato solo all’inizio di quest’anno, ma già richiesto e apprezzato. Consegnamo la spesa con i prodotti agroalimentari del nostro negozio fatta on line attraverso una piattaforma di e-commerce che abbiamo realizzato appositamente, così come consegnamo le box e i menù speciali per pranzi e cene a tema nel weekend, con le istruzioni per completare la preparazione dei piatti e coinvolgere in quest'attività tutta la famiglia. In questi mesi abbiamo puntato sulle nuove idee e anche sull'innovazione tecnologica: abbiamo infatti
approntato il servizio di prenotazione di tutti i servizi interamente on line utilizzabile a qualsiasi ora, e incrementato l'utilizzo
dei social, sempre più un canale importante per amplificare il passaparola. I momenti difficili ci sono e vanno affrontati con
coraggio. Noi cerchiamo di cogliere le nuove opportunità che in questi si nascondono e proviamo a guardare avanti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Coronavirus, decreto per Natale: no agli spostamenti tra comuni e regioni per le feste

Torna su
NovaraToday è in caricamento