Calice d'oro 2014: i vincitori della quarta edizione

A trionfare nel concorso enologico sono "Il Roccolo" di Mezzomerico e "Rovellotti Viticoltori in Ghemme"

Sono "Il Roccolo" di Mezzomerico e "Rovellotti Viticoltori in Ghemme" le aziende vincitrici della quarta edizione del concorso enologico "Calice d’Oro dell'Alto Piemonte", organizzato dalla Camera di Commercio di Novara in accordo con gli Enti camerali di Biella, Verbano Cusio Ossola e Vercelli e con la collaborazione dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani, partner tecnico dell’iniziativa.

Le operazioni di selezione, divise in due sessioni, si sono svolte venerdì 7 novembre presso l’Ente camerale novarese. La cerimonia di apertura della manifestazione ha avuto inizio con i saluti di Cristina D’Ercole, segretario generale della Camera di Commercio di Novara, Vittorina Prina, vice presidente della Camera di Commercio del Verbano Cusio Ossola, Pietro Calcagno, componente del Consiglio camerale di Biella e del vice prefetto Marco Baldino. Sono inoltre intervenuti l’onorevole deputato Giovanni Falcone, il presidente della Provincia di Novara Matteo Besozzi e l’assessore al turismo del Comune di Novara Sara Paladini.

È quindi avvenuta la formazione, per sorteggio, delle commissioni di valutazione, ognuna delle quali composta da un giornalista e sei enologi (di cui due operanti nella provincia interessate dal Concorso), sotto la presidenza dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani.

I 46 vini dell’edizione 2014 sono stati così suddivisi nelle categorie previste dal regolamento: 16 in Nebbioli da invecchiamento (Boca, Bramaterra, Fara, Gattinara, Ghemme, Lessona, Sizzano); 21 in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane Doc rossi e rosati; 9 in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane Doc bianchi.

I campioni sono stati prelevati e catalogati dalla Camera di Commercio di Novara e successivamente resi anonimi dal dottor Marco Baldino, pubblico ufficiale. Ogni vino è stato valutato da tre commissioni diverse ed il risultato finale di ogni campione è stato calcolato, dopo aver eliminato la scheda con il punteggio più alto e quella con il punteggio più basso di ogni commissione, attraverso la media aritmetica delle 15 schede rimanenti.

Complessivamente è stato selezionato il 98% dei vini presentati. A tutti i vini che hanno conseguito il punteggio complessivo di almeno 80 centesimi, corrispondenti all’aggettivazione "ottimo" in base al metodo di valutazione Union Internationale des Oenologues, è stato assegnato un diploma di merito. Al vino di ogni categoria che ha ottenuto il miglior punteggio, purché raggiunto il minimo di 85 centesimi, è stato attribuito il trofeo "Calice d’Oro 2014".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante le selezioni sono state compilate complessivamente 966 schede per un totale di 13.524 giudizi. Sono state valutate 141 bottiglie e utilizzati oltre 1.200 bicchieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • É morto Marco Tancini, il motociclista 32enne grave dopo un incidente

  • Trecate, ancora lite e sangue in vicolo Bordiga

  • Morto all'ospedale Maggiore il motociclista di 29 anni ferito nell'incidente a Suno

  • Autostrada A4: si sente male in auto e muore

  • Maltempo: violenti nubifragi, strade e cantine allagate nella Bassa Novarese

  • Il Lago d'Orta set di una serie tv tedesca: si cercano comparse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento