Novara, lo Spazio Nova ospita “XYZ 2020 SuperNòva”

Laboratorio di ricerca e co-progettazione

Lo spazio Nòva, il centro culturale a vocazione sociale nato nei locali dell’ex caserma Passalacqua con l’obiettivo di coinvolgere i giovani in un processo di rigenerazione culturale che parte dalla valorizzazione delle persone e dalla cura delle fragilità, ospiterà “XYZ 2020 SuperNòva”, laboratorio di ricerca e co-progettazione, a cura de La Scuola Open Source.

Le attività coinvolgeranno circa 20 docenti e tutor e 60 partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia che contribuiranno col proprio lavoro allo sviluppo del progetto di rigenerazione in atto presso l’Ex Caserma. I laboratori sono curati da La Scuola Open Source, cooperativa di lavoro con sede a Bari, che ha all’attivo alcune migliaia di ore di attività analoghe svolte negli ultimi 5 anni in tutto il Paese.

Questa tipologia di laboratori “XYZ” è ormai un noto dispositivo metodologico: tre macro aree (X – Comunicazione, Y – Strumenti e Z – Processi) che lavorano in parallelo a diversi aspetti dello stesso progetto (lo sviluppo del nuovo centro culturale), ibridandosi, contaminandosi e cooperando secondo geometrie variabili.

I punti di forza di questa metodologia sono:

  • lo stimolo alla cooperazione piuttosto che alla competizione;
  • la possibilità di espandere i propri orizzonti di “potere”
  • il favorire l’apprendimento in situazione grazie ad un impostazione dialogica del rapporto tra docenti e discenti;
  • il focus sulla multidisciplinarietà e sulla non linearità;
  • la genesi di un risultato “aperto” frutto del desiderio di offrire i migliori strumenti possibili per una data situazione;
  • lo sviluppo di soluzioni connettive per problemi comuni.

Il lavoro viene guidato da docenti provenienti da diversi ambiti (filosofi, artisti, designer, ingegneri, architetti, ecc.) e da uno staff de La Scuola Open Source specializzato nella facilitazione di questo tipo di attività di co-progettazione. Al termine della settimana di attività, domenica 27 settembre (in serata) è previsto un evento pubblico di “restituzione dei lavori” svolti alla città di Novara.

Per partecipare a X, Y o Z è necessario iscriversi compilando il form entro le 23:59 del 1 settembre 2020. I laboratori sono aperti a tutti, per iscriversi è necessario completare la procedura tramite il sito web: bit.ly/XYZ2020

Le attività si articoleranno tra il 20 e il 28 settembre:

20 settembre (18.00) benvenuto presso l’ex caserma

21 settembre (09.00) inizio del workshop

27 settembre (18.00) conclusione del workshop

27 settembre (20.00) restituzione output e festa

28 settembre (10.00) saluti e partenze

Lo svolgimento delle attività seguirà ogni giorno, tra il 21 e il 27 settembre, data della presentazione finale, la seguente successione di fasi:

09.30 / 10.30 assemblea plenaria

10.30 / 13.00 attività di laboratorio

13.00 / 14.00 pausa pranzo

14.00 / 15.00 un po’ di riposo

15.00 / 19.00 attività di laboratorio

19.00 / 20.00 chiacchierate informali con ospiti a sorpresa


I docenti di questa edizione saranno i seguenti:

Tommaso Guariento | Paolo Cavagnolo | Nunzia Coco

→ filosofo della comunicazione | → ingegnere nucleare | → service designer

Giovanni Abbatepaolo | Ivan Iosca | Guglielmo Apolloni

→ designer / developer | → architetto | → process designer

Chiara Dellerba | Alessandro Petrone | Fred Fumagalli

→ designer / artista | → sound designer | → service designer

Andrea Bergamini | Carlo Lopez | Azzurra Spirito

→ designer della comunicazione | → maker | → public private community designer


Tra i partner di questo progetto figurano, oltre al Comune di Novara, la Fondazione Cariplo, l’agenzia di trasformazione culturale CheFare e il gruppo di ricerca e intervento Codici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Motocross tra le risaie del Torrion Quartara: 2400 euro di multe per 3 motociclisti

Torna su
NovaraToday è in caricamento