menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le azzurre a Firenze

Le azzurre a Firenze

Igor Volley: sconfitta a testa alta contro Conegliano

Le azzurre perdono 3-1 nella prima semifinale della Final Four di Coppa Italia a Firenze

Pochi punti di scarto, pochissimi dettagli che alla fine hanno fatto la differenza: la Igor Volley di Marco Fenoglio tiene testa alla pari, per oltre due ore, alle campionesse d’Italia in carica (e dominatrici della regular season) di Conegliano prima di soccombere per 3-1 (23-25,25-21, 25-23, 25-23) nella prima semifinale della Final Four di Coppa Italia a Firenze.

Le azzurre disputano una partita di altissimo livello al cospetto delle venete protagoniste di una striscia di 18 vittorie consecutive ma non basta per conquistare un posto nella finalissima in programma oggi alle 18.

Azzurre in campo con Barun Susnjar opposta a Dijkema, Bonifacio e Chirichella al centro, Piccinini e Plak in banda, Sansonna libero e Zannoni cambio fisso "under" su Bonifacio in battuta. Conegliano in campo con Ortolani opposta a Skorupa, Folie e De Kruijf al centro, Fawcett e Robinson in banda e De Gennaro libero.

L’avvio di partita è subito "serrato": Piccinini (4-5) duella con Folie (primo tempo, 6-6) e un maniout di De Kruijf seguito da un errore di Plak vale il primo break (10-8) prontamente “vendicato” dalla stessa olandese che in battuta propizia il muro di Barun Susnjar (10-10) e firma poi l’ace del 10-11. Fallo di Conegliano (11-13) che poi si aggrappa a Folie (13-13, muro) e sorpassa 14-13 trovando con Robinson, ancora a muro, il nuovo "parzialino" per il 17-15. Chirichella (ace, 17-17) e De Kruijf (muro su Barun Susnjar, 19-17) animano la sfida al centro, Bonifacio non è da meno e sigla il 20-20 "stoppando" la pari-ruolo olandese e Barun Susnjar, subito dopo, regala l’inerzia alle azzurre fermando Fawcett (21-22). Ortolani rimette la testa avanti (23-22), Piccinini conquista il set ball (23-24) e dopo il timeout di Mazzanti è Chirichella a chiudere il parziale 23-25.

Novara riparte con l’ace di Piccinini (0-1), Conegliano con il muro di Folie su Barun Susnjar (4-3) e con la parallela di Fawcett che vale il primo break di vantaggio (6-4) prontamente rintuzzato da Piccinini (maniout, 6-6) e Plak (6-7, pipe) che costringono Mazzanti al timeout. Piccinini sbaglia (9-7), Ortolani no (11-8) e Fenoglio chiama a rapporto le sue: al rientro in campo Plak ricuce e sorpassa (13-14) ma i turni al servizio di Fawcett e Folie scavano il solco che porta le venete sul 20-17 e costringono Fenoglio al nuovo timeout. Novara rimane “attaccata” fino al 21-20, Plak spara out la palla del potenziale pareggio (22-20) e poco dopo un maniout di Fawcett chiude il parziale 25-21.

Reagisce Novara con Chirichella (primo tempo, 2-4) e Barun Susnjar (3-5, diagonale) ma Conegliano si tiene sotto con Robinson (4-5, muro, poi 7-8 in maniout) mentre Fenoglio inserisce Pietersen opposto e dopo il muro di Chirichella su Robinson (10-12) è proprio l’americana a ricucire lo strappo e a firmare il 12-12 in pallonetto. Dijkema allunga con una "magia", De Kruijf ricompatta 14-14 e Fawcett, poco dopo, firma il break in parallela (18-16) che costringe Fenoglio al timeout: al rientro in campo Fenoglio inserisce Cambi in regia e rilancia Barun Susnjar mentre Conegliano scappa 22-18 con Ortolani. Barun Susnjar, in battuta, riapre i giochi con due ace (22-21) e dopo la pipe di Fawcett che vale il set ball (24-21), Piccinini e Plak (gran muro su Ortolani) riportano sotto le azzurre. Al terzo tentativo, però, Conegliano chiude con Folie in primo tempo (25-23).

Novara riparte con il sestetto che ha chiuso il set precedente e al break di Barun Susnjar (0-3) fanno da contraltare gli errori, pesanti, di Plak e Piccinini (7-6) e De Kruijf con una fast (10-8) e un ace fortunoso scava il solco sul 12-9. Fenoglio ferma il gioco, Novara riparte e fa 14-14 con Piccinini che innesca un lungo punto a punto "rotto" solo sul 18-17 da De Kruijf (fast, 19-17) e dal successivo errore di Barun Susnjar (20-17); Novara rientra di forza fino al 21-21 (gran parallela di Barun Susnjar) ma un fallo di Piccinini (24-22) vale il match point per le venete: Barun Susnjar annulla il primo (24-23), poi Ortolani chiude in diagonale 25-23 (3-1).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, in Piemonte da oggi sarà possibile accedere al proprio "percorso vaccinale"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento