Domenica, 24 Ottobre 2021
Verbano Cusio Ossola

Verbania, il 29 giugno visite ginecologiche gratuite all'ospedale Castelli

L'iniziativa è organizzata da Fondazione Onda con gli ospedali Bollini rosa. Le informazioni utili

Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, nell’ambito del progetto di sensibilizzazione avviato quest’anno in occasione della Giornata mondiale sui tumori ginecologici celebrata il 7 maggio scorso, coinvolge le Ginecologie e le Oncologie ginecologiche degli ospedali con i Bollini Rosa per offrire alla popolazione femminile servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi.

L’ospedale Castelli di Verbania, aderente del network Bollini Rosa, offrirà gratuitamente alla popolazione femminile un servizio di ecografie ginecologiche per la valutazione dell’utero e degli annessi da parte degli specialisti Ginecologi affiancati dai colleghi dell’Oncologia che effettueranno visite senologiche, oltre ad offrire un servizio di counseling circa la diagnosi, la prevenzione e la cura delle principali patologie oncologiche femminili.

L’iniziativa si svolgerà martedì 29 giugno nel pomeriggio, dalle 14.30 alle 16.30 al primo piano dell’ospedale Castelli, presso gli ambulatori Ecografici Ginecologia. La prenotazione è obbligatoria scrivendo una e-mail dal lunedì al venerdì al dott. Riccardo Fiorentino, riccardo.fiorentino@aslvco.it

In Italia, secondo "I numeri del cancro 2020" di Aiom, nel 2020 erano attese oltre 10mila nuove diagnosi di tumore all’utero (corpo e cervice) e circa 5mila all’ovaio. Purtroppo, sempre in Italia, il carcinoma endometriale, neoplasia che colpisce il corpo dell’utero, è tra i più frequenti tumori femminili e il carcinoma della cervice uterina rappresenta il quinto tumore per frequenza nelle donne sotto i 50 anni di età e complessivamente l’1,3% di tutti quelli diagnosticati. Più dell’80% delle pazienti con tumore ovarico ha una recidiva della malattia e la qualità dell’intervento chirurgico con la corretta terapia di mantenimento sono fondamentali per offrire alle pazienti più qualità vita e tempo senza sintomi della patologia.

"Quest’iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto più ampio che ha visto anche l’organizzazione di un evento virtuale, proprio in occasione della IX Giornata mondiale del tumore ovarico, con il coinvolgimento delle Istituzioni centrali e regionali, della comunità scientifica con le principali Società di riferimento e delle Associazioni pazienti - spiega Francesca Merzagora, presidente di Fondazione Onda -. Tra tutti i tumori, ginecologici e non, quello ovarico resta ad oggi il più insidioso. Avere a disposizione Centri di riferimento in cui lavorano oncologi sensibili all’umanizzazione della cura è sempre più importante".

Obiettivo della giornata sarà quello di promuovere la corretta informazione sulle strategie di prevenzione e sulle nuove possibilità terapeutiche che consentono di migliorare la qualità della vita delle pazienti nonché facilitare l’accesso alla diagnosi precoce nell’ambito dei principali tumori ginecologici a carico di utero e ovaie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verbania, il 29 giugno visite ginecologiche gratuite all'ospedale Castelli

NovaraToday è in caricamento