rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Attualità

Montagna e collina, dalla Regione oltre 5 milioni per le infrastrutture turistiche

Pubblicato un nuovo bando a favore dei territori montani e collinari

Oltre 5 milioni di euro per lo sviluppo turistico delle zone montane e collinari del Piemonte. La Regione ha infatti pubblicato un nuovo bando con cui si intende favorire investimenti sulle infrastrutture turistiche.

"Con questa misura intendiamo favorire il turismo outdoor che è un'opportunità per il Piemonte e rappresenta un importante elemento di attrazione - affermano il presidente della Regione Alberto Cirio e il vice presidente e assessore alla Montagna Fabio Carosso -. Sono interventi che rientrano in una strategia strutturale di rafforzamento e di valorizzazione della montagna che in questi anni abbiamo portato avanti con convinzione. Ricordiamo i bandi per la residenzialità in montagna, le botteghe dei servizi, le green communities che in questi anni hanno trasferito risorse a favore della montagna piemontese".

Nel complesso sono coinvolti circa 900 comuni di montagna e collina.

Il bando

Con l'intervento Srd07, azione 4 del complemento per lo Sviluppo Rurale della Regione Piemonte, relativo alle "infrastrutture turistiche", sono previsti:

  • investimenti per le infrastrutture relative al turismo outdoor;
  • investimenti per talune strutture di servizio (aree di sosta per campeggio e camper, bivacchi, servizi igienici, punti panoramici o di ricovero temporaneo dalle intemperie, aree picnic, adeguamento dei rifugi per fronteggiare le emergenze idriche);
  • attrezzature a sostegno del turismo per persone con esigenze complesse e differenziate.

Gli investimenti saranno possibili nelle zone di collina e di montagna comprese nelle aree B, C1, C2 e D. Rimangono escluse le zone di collina e montagna comprese negli areali A (quindi riferibili alle aree urbane e periurbane).

I beneficiari saranno gli enti pubblici, singoli o associati, o associazioni private senza scopo di lucro, legalmente costituite e aventi come finalità statutaria le attività di outdoor; saranno possibili partenariati tra soggetti pubblici e privati.

La spesa ammessa per ogni domanda sarà compresa tra il minimo di 50mila ed il massimo di 250mila euro. L'aliquota di sostegno è pari alle seguenti percentuali, in rapporto alle spese giudicate ammissibili: soggetti pubblici 90%; soggetti privati 80%; partenariato tra soggetti pubblici e privati 90%.

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montagna e collina, dalla Regione oltre 5 milioni per le infrastrutture turistiche

NovaraToday è in caricamento