Attualità

Coldiretti: "Servono misure straordinarie per il contenimento dei cinghiali"

“Alla luce del fatto che il numero dei cinghiali è in continuo aumento sul nostro territorio, e del fatto che le Province presentano carenze strutturali in termini di organico per attuare i piani di controllo, ci uniamo alla richiesta portata avanti a livello regionale dalla nostra organizzazione e chiediamo che la Regione e la Prefettura prendano in considerazione, in via del tutto eccezionale, la possibilità di coinvolgere, oltre ai proprietari e conduttori di fondi, anche i cacciatori, nell’attuare gli interventi di contenimento. - scrive Coldiretti Novara-Vco - Facciamo nuovamente presente anche che, nonostante le nostre richieste, i giorni passano e non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta dalla provincia di Novara riguardo all’andamento delle attività di contenimento e ai risultati fino ad oggi ottenuti”, ricorda ancora una volta Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara – Vco, rispetto alla situazione che vede la necessità di fermare l’escalation dei danni, delle aggressioni e degli incidenti causati dalla fauna selvatica. A complicare il momento c’è la diffusione della Peste Suina Africana, rispetto alla quale un possibile veicolo di contagio possono essere proprio i cinghiali, che non si curano di zone gialle, rosse o arancioni e il cui numero si è moltiplicato in Italia, dove si stima la presenza di circa 2 milioni di esemplari".

“Va mantenuta alta l’attenzione rispetto ad una situazione che sta mettendo a rischio l’equilibrio ambientale degli ecosistemi territoriali anche in aree ad elevato pregio naturalistico e che, se non si prevedono azioni specifiche nell’immediato, tenderà a diventare sempre più critica”, insiste Baudo. “Per questo, come alcune altre regioni hanno fatto in questi giorni, vanno adottate delle misure specifiche e ‘non consuete’, altrimenti non si aiuta la ripresa e la gestione dei territori già colpiti dalla crisi causata dalla pandemia e, in alcune zone, dal maltempo. La situazione è insostenibile non solo per le imprese agricole, ma anche per i cittadini la cui sicurezza non è assolutamente preservata. È necessario muoversi prima che sia troppo tardi e come Coldiretti ci stiamo organizzando per istituire nuovi corsi di formazione per altri tutor che possano essere di supporto alla Provincia nell’attività di contenimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti: "Servono misure straordinarie per il contenimento dei cinghiali"

NovaraToday è in caricamento