menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle scritte

Una delle scritte

"Gesù non porta la mascherina": le scritte deliranti sui muri della chiesa e della scuola di Oleggio

Il sindaco "Le telecamere hanno ripreso il responsabile, le forze dell'ordine lo troveranno"

"Gesù non porta la mascherina" e "Bambini non mettete la mascherina". Sono queste alcune delle scritte che sono apparse nella notte tra venerdì 4 e sabato 5 dicembre sui muri della chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, sulla scuola elementare e su altri edifici di Oleggio.

Frasi deliranti, che hanno provocato anche un danno economico non indifferente. Il sindaco di Oleggio Andrea Baladassini è intervenuto in una discussione su Facebook sottolinenado alcuni aspetti. "Mi permetto di intervenire a seguito di vari post che questa mattina sottolineano l'opera di un delinquente che ha imbrattato con scritte la nostra Chiesa Parrocchiale, le scuole e altri edifici, solo per chiarire alcuni aspetti che tanti di voi, in maniera molto intelligente, hanno già espresso - ha scritto il primo cittadino - Il primo è relativo alla libertà di parola…che, scusatemi, ma qui non c'entra nulla, anzi. In un paese dove chiunque può, anche grazie ai social, esprimere la propria opinione pubblicamente, chi fa questo commette una violenza proprio contro la libertà e la democrazia con questi atti. Significa che il pensiero di questa persona è talmente insignificante che anche quando espresso sui social non attira la minima attenzione ed allora scattano questi gesti…poveretto! Secondo, purtroppo atti del genere sono pagati dell'intera comunità perché le spese, salate, per rimuoverli dovrà pagarle il Comune e quindi le tasche di tutti noi. Terzo, questo imbecille ha deturpato la nostra città, ha ferito tutti noi e dobbiamo essersene indignati. Quarto, abbiamo le immagini, purtroppo per questo poveretto. Biciletta mountain bike nera, giaccone con cappuccio scuro, mascherina bianca e sappiamo da quali strade è passato. Non si riesce a riconoscere ma i carabinieri e i vigili stanno indagando. Anzi, se qualcuno ha visto qualcuno che si aggirava nei pressi del centro dopo l'una è pregato di segnalarlo direttamente ai carabinieri". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, fino a quando il Piemonte sarà in zona arancione?

Attualità

Coronavirus, il Piemonte di nuovo in zona arancione dal 17 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento