Attualità

Novara, 400mila euro per ristrutturare gli alloggi popolari non agibili

Gli alloggi di edilizia sociale, di proprietà comunale, saranno disponibili entro l'estate

Risorse per recuperare alloggi vuoti di proprietà comunale: la delibera, approvata dalla Giunta giovedì 7 gennaio, mette a disposizione di Atc Piemonte Nord 400mila euro destinati alla ristrutturazione di appartamenti oggi inutilizzati perché non agibili.

"Si tratta di somme - spiega l’assessore alla Casa Franco Caressa - già destinate ad Atc, secondo la convenzione sottoscritta nel 2018, ma mai utilizzate per la manutenzione degli alloggi. Abbiamo effettuato da una parte uno screening delle risorse versate e dall’altra degli alloggi che attraverso interventi immediati di manutenzione potranno essere assegnati alle famiglie che attendono una casa. Atc ha individuato una cinquantina di appartamenti che, dopo una specifica e rapida manutenzione, potranno essere messi a disposizione dei nuclei familiari che attendono da tempo una casa popolare, smaltendo anche la graduatoria".

"Un bel progetto sociale - aggiunge il presidente di Atc Piemonte Nord Marco Marchioni - che mi auguro possa essere replicato anche su altre province del quadrante. Visto il periodo, l’emergenza abitativa non potrà che aumentare: un ente pubblico come Atc deve dunque farsi parte diligente in questo momento di difficoltà per aiutare ancora di più le persone che ne hanno bisogno".

"Atc - continua Caressa - si è resa immediatamente disponibile per effettuare tali interventi che, peraltro in un momento molto difficile,  potranno tornare agibili per le fasce più fragili della nostra popolazione".

I fondi saranno dunque impegnati per recuperare gli alloggi vuoti di proprietà comunale per affrontare il fabbisogno di emergenza abitativa che, con la pandemia, si è ulteriormente aggravato. Entro il mese di maggio gli alloggi saranno sistemati e assegnati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, 400mila euro per ristrutturare gli alloggi popolari non agibili

NovaraToday è in caricamento