Qualità della vita: 45° posto per Novara nella classifica di Italia Oggi, va meglio al Vco

Per il novarese stessa posizione della precedente edizione della graduatoria, mentre il Verbano Cusio Ossola si piazza al quarto posto, guadagnando oltre 30 posizioni

Foto di archivio

Novara resta ferma al 45° posto nella nuova classifica sulla qualità della vita di Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni.

Stessa posizione in classifica per la città gaudenziana e la sua provincia rispetto all'edizione 2018 della graduatoria, mentre va decisamente meglio al Vco che si piazza al quarto posto, guadagnando oltre 30 posizioni in classifica dalla scorsa indagine. Nella dimensione relativa alla sicurezza sociale e personale, inoltre, il Verbano-Cusio-Ossola si classifica in prima posizione.

La graduatoria

Al primo posto dell'edizione 2019 della classifica si piazza Trento, eccellenza per gli affari e il lavoro, l’ambiente, l’istruzione e la formazione, il tempo libero e il turismo. In ultima posizione Agrigento, risultata carente quasi sotto tutti gli aspetti e le dimensioni della qualità della vita (dagli affari e lavoro fino al tenore di vita) fatta eccezione per la dimensione demografica e per la sicurezza.

Nel complesso, comunque, nel 2019 la qualità della vita in Italia è migliorata. Oggi sono 65 su 107 (non più a 110, quelle sarde si sono ridotte da otto a cinque) le province italiane in cui la qualità di vita è buona o accettabile: un dato che risulta il migliore degli ultimi cinque anni. Anche in questa indagine emerge che nelle province di piccole e medie dimensioni si vive meglio che nelle metropoli. I grandi centri urbani faticano a toccare la vetta e a mantenere posizioni di eccellenza.

Le novità della classifica

Quest’anno l’indagine di ItaliaOggi e Università La Sapienza di Roma si è rifatta il look, per rimanere al passo con i cambiamenti economici e sociali e per individuare nuove chiavi di lettura sulla qualità della vita. Nell’edizione 2019, sono state infatti incluse informazioni statistiche più dettagliate sul tenore di vita; la dimensione servizi finanziari e scolastici è stata sostituita da quella "istruzione, formazione e capitale umano"; sono stati individuati nuovi "cluster" di analisi che hanno dato vita a cinque raggruppamenti di province omogenei in cui è possibile riscontrare caratteristiche simili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricetta della paniscia novarese

  • Incidente sul lavoro a Novara, si indaga per capire perchè sia caduto dal ponteggio l'operaio

  • Novara, giravano in auto per le vie della città controllando le case: nel bagagliaio trovati arnesi da scasso

  • Allarme al Fauser: scuola evacuata per un principio di incendio

  • Trecate, otto vigili su 14 chiedono di andarsene dal comando

  • Trenord, sciopero di 23 ore in arrivo: treni a rischio il 15 dicembre

Torna su
NovaraToday è in caricamento