rotate-mobile
Cronaca Cerano

Cadavere carbonizzato a Cerano, sospese le ricerche del pensionato scomparso

Sempre più probabile che si tratti dell’88enne Mario Bandi

Manca ormai la certezza che solo le analisi potranno confermare, ma è quasi sicuro che il corpo ritrovato sotto le macerie dell'incendio di vicolo Bricco a Cerano sia quello di Mario Bandi.

L'incendio è avvenuto nella notte tra martedì 15 e mercoledì 16 novembre e l'area è stata posta sotto sequestro dai carabinieri, mentre le ricerche ufficiali per Mario Bandi sono iniziate solo venerdì, quando i familiari hanno denunciato la scomparsa. Da allora i vigili del fuoco e le forze dell'ordine hanno battuto la campagna ceranese e i canali vicini per cercare l'88enne, che sembrava svanito nel nulla.

Mercoledì 23 però è stato compiuto un sopralluogo dei carabinieri con i vigili del fuoco sul luogo dell'incendio: sotto le macerie dell'edificio crollato a causa delle fiamme è stato trovato un corpo carbonizzato.

Oggi, venerdì 25 novembre, il medico legale eseguirà le prime analisi sul cadavere per stabilire se si tratti proprio del pensionato scomperso, anche se ormai i dubbi sono pochi. Mario Bandi infatti aveva le chiavi dell'edificio andato a fuoco, dato che la struttura era il magazzino delle pompe funebri dove lui aveva lavorato per molti anni. Secondo testimoni le fiamme si sono sprigionate dal tetto, che poi è crollato, travolgendo i piani inferiori: è probabile che il pensionato di trovasse all'interno al momento del crollo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadavere carbonizzato a Cerano, sospese le ricerche del pensionato scomparso

NovaraToday è in caricamento