Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Centro / Via Gaudenzio Ferrari, 6

NovaraVeg, a Novara la prima realtà associativa per tutti i vegani

E' nata circa un anno fa. Un incontro casuale tra le fondatrici, l'amore per lo stile di vita naturale e salutare, ha fatto sì che l'associazione si concretizzasse in una realtà che prende sempre più piede in città

"Novaraveg", da un anno a Novara l'associazione che promuove lo stile di vita salutare e contro il consumo di carne.

Si chiamano Sarah e Marika e insieme condividono lo stile di vita Vegano. Sarah, studentessa di medicina a Novara, vegana già da quando aveva  16 anni, aveva già creato una pagina internet personale per diffondere lo stile di vita vegano. Marika, commerciante e mamma, ha scelto tanti anni fa di perseguire una dieta incentrata unicamente sul consumo di verdure, scelta che ha condiviso anche con suo figlio, ora adolescente e con uno sviluppo del tutto nella norma. Le abbiamo incontrate per farci raccontare come è nata l'idea di un'associazione vegana a Novara, quali sono gli scopi e le prospettive per il futuro.

Come è nata l'associazione? Quali scopi e obiettivi si prefigge?

Io e Marika - racconta Sarah - ci siamo conosciute tramite il social network facebook. Entrambe siamo iscritte a pagine legate al mondo vegano. Pian piano ci siamo scambiate opinioni, consigli e esperienze e abbiamo stretto amicizia. Abbiamo poi scoperto di frequentare Novara, lei abita qui, io (Sarah) a Milano ma studio medicina a Novara. La passione e i progetti erano tanti e tali che insieme abbiamo ritenuto potessero essere realizzati e così abbiamo coronato il sogno di entrambe: far conoscere il mondo vegano a Novara e fare in modo che sempre più bar e locali abbiano un pensiero anche per noi. In questo senso promuoviamo già dallo scorso anno aperitivi vegani in città. L'anno scorso ne abbiamo proposto uno e abbiamo visto che ha riscosso notevole successo. Quest'anno ne faremo molti altri.

Cosa vi ha spinto a scegliere uno stile di vita Vegano?

Sarah: io non amavo particolarmente la carne e il latte nemmeno da piccola, chiariamolo subito. Crescendo, sentendo anche molti nutrizionisti che consigliano un consumo sempre più frequente di verdura, cereali e legumi, preferendolo alla carne, ho deciso di provare, mi trovo molto bene e sto bene. E poi vogliamo parlare di come vengono macellati, trattati e cresciuti gli animali il cui scopo ultimo è arrivare sulle tavole? Indicibile!

Marika: anche la mia è stata una scelta etica più che dettata da problematiche di salute. Devo dire che ne sono contenta e che mi sento davvero bene. Essere vegani, voglio dirlo a chiare lettere, non è solo una scelta che si fa a tavola. E' un vero stile di vita. Io ho improntato la mia vita su uno stile di vita sano: compro solo capi naturali in fibra di cotone, detersivi biodegradabili, cosmetici non testati sugli animali e quant'altro. Una scelta che nella mia famiglia di origine ha fatto discutere, ma che adesso condivido in pieno con la mia famiglia: mio marito e mio figlio, quest'ultimo vegano come me. Anche in gravidanza, nonostante medici un pochino scettici, non ho avuto problemi di nessun tipo.

Qual'è l'obiettivo che vi siete date con la nascita di questa vostra associazione? Chi ne fa parte? Quanti iscritti ci sono?

L'associazione è nata - spiegano - con lo scopo di sensibilizzare i cittadini ad uno stile di vita più sano. E' nata nel maggio del 2011 e consta di un direttivo di tre persone: Marika Sacco (presidente), Sarah Villa (vice presidente) e Irene Fioratto (tesoriera), più 4 iscritti, ragazzi che come noi credono in questo stile di vita. Stiamo cercando di creare una rete  di diffusione di questa importante scelta di vita, non condivisibile certamente da tutti, per abituare le persone a far vedere che noi esistiamo e che siamo una realtà.

Qual'è il vostro desiderio?

Il nostro desiderio è che sempre più locali mettano a disposizione menù vegani. Non vogliamo esser tagliati fuori o in imbarazzo quando riceviamo gli inviti. Vogliamo che sempre più persone partecipino ai nostri eventi, gli aperitivi vegan del Bar Zefiro, che promettiamo, di organizzare  almeno una volta al mese. Il prossimo appuntamento è per la notte delle streghe, mercoledì 31, sempre allo "Zefiro Cafè" con un aperitivo "mostruosamente" vegano.

Avete avuto appoggi da altre associazioni, realtà, istituzioni novaresi?

C'è ancora davvero poca attenzione e cultura verso questa scelta. Siamo in contatto con una sola associazione che ci ha promesso di appoggiarci in futuro - dicono le ragazze. L'associazione è la Lida di Novara.  Per il resto ancora pochissime risposte. E' curioso come, nel chiedere sostegno anche ad associazioni  animaliste, ci hanno risposto che loro, nonostante difendano gli animali, mangino la carne e quindi gli sembrava una scelta non proprio in linea con il loro stile di vita, quella di seguirci. Vorremmo però lanciare comunque un appello anche alle istituzioni e alle associazioni che non ci hanno ancora risposto, aiutateci per lo meno a perorare una causa per noi importantissima:"vogliamo che il circo, stabilitosi nell'area stadio qui a Novara, non torni più. A volte nei circhi gli animali non sono trattati come  dovrebbero. Ci batteremo anche in questo senso come associazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

NovaraVeg, a Novara la prima realtà associativa per tutti i vegani

NovaraToday è in caricamento