rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca

Pendolari delle truffe in manette al casello: 70mila euro di bottino in oro, contanti e anche... un cane

I tre sono stati arrestati dalla polizia stradale di Novara. Le foto e il video dell'arresto

Partivano da Ivrea e percorrevano centinaia di chilometri per compiere truffe e furti.

Pendolari delle truffe: la refurtiva e l'arresto

La polizia stradale di Novara ha arrestato tre persone responsabili di diversi reati compiuti nella zona di Monza e Bergamo. Gli agenti novaresi hanno notato sull'autostrada A4 Torino-Milano una Ford Fiesta con la targa posteriore che non corrispondeva a quella anteriore: sono iniziati quindi i controlli e le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Ivrea Chiara Molinari, che hanno portato a scoprire che le targhe erano false. 

L'inseguimento e l'arresto al casello

Così gli agenti hanno seguito l'auto e l'hanno bloccata alla barriera di Rondissone, mentre era in coda per il pagamento del pedaggio, con l’ausilio della sottosezione autostradale di Settimo Torinese. Il blitz al casello ha portato all'arresto di tre persone, rispettivamente di 50, 40 e 34 anni, tutte residenti nella zona di Ivrea. In auto, nascoste sotto un tappetino, sono state trovate altre targhe false, oltre a gioielli e denaro, che provenivano da furti e da numerose truffe nei confronti di persone anziane, raggirate anche grazie all’esibizione di falsi tesserini di riconoscimento dell’Arma dei Carabinieri. 

La cagnolina Briciola nel bagagliaio 

La sorpresa più grande per gli agenti è però stata la scoperta, all'apertura del bagagliaio, di una cagnolina che era stata chiusa all'interno. Allertato un veterinario, i poliziotti sono riusciti a risalire, grazie al microchip, ai proprietari della piccola Briciola, che non si erano ancora accorti della sparizione del cane. L'animale è stato restituito ai padroni, mentre per il resto della refurtiva si è risaliti ai proprietari, tutti residenti nella zona di Bergamo e Monza.

I tre, dopo l'udienza di convalida, si trovano nel carcere di Ivrea, accusati di numerosi reati tra cui falsificazione di targhe, truffa e furto in danno di persone anziane, oltre che ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolari delle truffe in manette al casello: 70mila euro di bottino in oro, contanti e anche... un cane

NovaraToday è in caricamento