rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca

Truffe delle case popolari: “Nessuno chiede soldi per un appartamento"

Atc mette in allerta dopo una truffa. "I nostri appartamenti non vengono assegnati previa riscossione di somme di denaro"

"Nessuno è autorizzato a chiedere soldi per l'assegnazione di una casa popolare". L'allarme viene dall'Agenzia Territoriare per la Casa, che segnala una truffa ai danni di una persona in attesa di un alloggio.

"Una signora ha raccontato di essere stata truffata da sedicenti incaricati dell’ente, che le avrebbero chiesto soldi per ottenere un appartamento popolare - dice Atc Piemonte Nord -. Gli unici canali ufficiali per avere in dote un alloggio sono i bandi promossi dall’Agenzia territoriale per la casa e dai Comuni o, in alternativa ed in casi di particolari situazioni, i servizi sociali. Chiunque dovesse essere contattato da presunti dipendenti di Atc Piemonte Nord che millantano di poter loro destinare un appartamento, previo pagamento di una quota di denaro, è pregato di denunciare immediatamente l’accaduto alle forze dell’ordine o di segnalarlo ai nostri uffici. Nessuno - ribadisce l'ente - è autorizzato a riscuotere somme di denaro a domicilio per conto di Atc. Tutti i funzionari delle sedi territoriali sono a disposizione degli inquilini per fornire loro ogni eventuale supporto e informazioni in tal senso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe delle case popolari: “Nessuno chiede soldi per un appartamento"

NovaraToday è in caricamento