Economia

CRISI | Commercio e turismo, nel 2014 ancora nessuna ripresa

I dati emergono da un'indagine di Confesercenti. Nei primi sei mesi di quest'anno ancora saldo finale negativo. Centrella: "Siamo ancora in piena emergenza"

Nessuna ripresa per il commercio e il turismo novarese.

A rivelarlo è l'indagine della Confesercenti relativa ai primi sei mesi del 2014, che indica come invece continui, implacabile, un'emorragia di imprese nei due settori.

"Siamo ancora in piena emergenza - ha commentato il presidente della Confesercenti di Novara e Vco Antonio Centrella - ed i dati elaboratori dal nostro ufficio studi, relativi ai primi sei mesi, confermano l’andamento estremamente negativo. Manca anche la fiducia. Sino all’anno scorso se un negozio o un pubblico esercizio in vendita era un’occasione per un nuovo investitore, oggi non è più così: domina la sfiducia in questi due comparti".

Secondo la ricerca, sarebbero solo due i dati positivi riscontrati nei comparti analizzati: quello del commercio su area pubblica (saldo di + 14) e quello dei negozi on line (+ 7).

Nel turismo boom di chiusure per ristoranti e bar, che nella provincia di Novara sono passati rispettivamente a 1104 (-25 unità) e 1050 (-22). Nella città di Novara, invece, due segni negativi entrambi con un meno 6.

La fila dei segni meno continua con le attività di alloggio: a fronte di nessuna iscrizione si assiste a due chiusure, entrambe in provincia. Il peggior saldo negativo si registra nel commercio al dettaglio in sede fissa: il settore perde 115 imprese, sommando negozi alimentari e non alimentari, e ne guadagna 52, con un saldo in rosso di 63unità (a Novara si perdono 23 aziende).

Tra le categorie merceologiche prese in esame, spicca la sofferenza registrata dai negozi che vendono E-cig (-5 in provincia). Continua pure l’emoraggia dell’abbigliamento e calzature con 22 negozi spariti e solo 7 nuovi (in città 5 cancellazioni a fronte di due aperture).

In calo anche gli agenti/rappresentanti di commercio, 1436 in provincia (-10) di cui 391 a Novara (+4), e gli impianti di carburanti,128 in provincia (meno 2) di cui 40 a Novara (nessuna chiusura e nessuna apertura). Nelle imprese che operano nel commercio di giornali e riviste si ha un saldo a zero: 113 presenti nella provincia (48 a Novara con un segno positivo di + 1).

Piccolo segno positivo per le imprese che operano nel commercio via internet: in provincia di Novara sono 79 (+ 4), a Novara ne sono presenti 20 con due nuove imprese aperte ed una chiusura registrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CRISI | Commercio e turismo, nel 2014 ancora nessuna ripresa
NovaraToday è in caricamento