Novara, bonus bici confermato: come fare richiesta per ottenere fino a 500 euro per biciclette e mezzi elettrici

Biciclette, monopattini, hoverborad, segway e altri mezzi per una mobilità green

Il bonus bici è definitivo: fino a 500 euro per chi acquista una bici, un monopattino o un altro mezzo elettrico.

Il buono è pensato per incentivare forme di trasporto sostenibili nelle aree urbane, a fronte delle limitazioni al trasporto pubblico locale per fronteggiare l'emergenza sanitaria da Covid-19. Finalmente, grazie a una nota del Ministero dei Trasporti, sono note le modalità con cui richiederlo, su cui vi erano alcuni dubbi, mentre le caratteristiche e i requisiti per accedervi erano già state anticipate e sono state sostanzialmente confermate. 

Il buono vale per il 60% dell'acquisto di una bicicletta, un monopattino, un hoverboard o un segway, o per l'acquisto di abbonamenti a servizi di mobilità condivisa (bike sharing e così via, esclusi ovviamente le condivisioni di scooter e automobili). Non potrà comunque valere più di 500 euro. 

Il buono è destinato ai cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di regione, di provincia o comunque nei comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti, quindi anche a Novara e Verbania. Sarà retroattivo, nel senso che potranno beneficiarne tutti coloro che hanno acquistato un mezzo a partire dal 4 maggio 2020. 

Le modalità di erogazione del buono sono due: o un rimborso successivo all'acquisto o un buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare successivamente il bene o godere del servizio prescelto. Va da sé che per acquisti già effettuati occorre necessariamente optare per il rimborso.

Come chiedere il contributo: serve lo Spid

Per chiedere e ottenere il contributo si dovrà accedere ad una applicazione online in via di predisposizione da parte del Ministero dell'Ambiente, anche attraverso il sito istituzionale. L'applicazione sarà operativa entro sessanta giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale. L'interessato dovrà accedervi tramite le credenziali Spid (Sistema pubblico di identità digitale) e procedere alla richiesta. In caso di acquisti già effettuati e relativo rimborso, sarà necessario avere conservato il giustificativo della spesa sostenuta.

Le credenziali Spid, riservate ai maggiorenni, servono per accedere con un'unica password a numerosi servizi online della pubblica amministrazione. Possono essere richiesti a uno dei nove provider autorizzati. Il riconoscimento dell'identità del richiedente può essere effettuato di persona o anche, in alcuni casi, via webcam, a pagamento oppure, per alcuni provider, gratuitamente durante il periodo di emergenza sanitaria da Covid-19. Per tutte le informazioni e per connettersi a uno dei provider e richiedere lo Spid, basta collegarsi al sito uffiiciale del Governo italiano, direttamente a questo link.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

Torna su
NovaraToday è in caricamento