Scuole al freddo: la Provincia non ha i soldi, Besozzi e Allegra scrivono al Miur

Riaccendere il riscaldamento nelle scuole, spiegano da Palazzo Natta, costa quasi 5mila euro al giorno. Una spesa che, purtroppo, l'Ente non può permettersi di affrontare

Il presidente Besozzi e la consigliera Allegra

La Provincia di Novara scrive al Miur per lanciare nuovamente il grido di allarme sulla carenza di risorse, che mette in pericolo l’erogazione dei servizi essenziali alle scuole superiori.

Il presidente Matteo Besozzi e la consigliera delegata all’Istruzione Emanuela Allegra hanno infatti rilanciato (dopo l’esposto cautelativo condiviso con Upi dei mesi scorsi che esponeva la condizione generale) la situazione degli istituti scolastici superiori portando l’attenzione sul problema della riaccensione del riscaldamento, emerso in questi giorni, a causa dell’inaspettato freddo primaverile.

"Riaccendere il riscaldamento nelle scuole costa quasi 5mila euro al giorno - spiegano da Palazzo Natta - La Provincia con l’attuale bilancio non può permettersi di far fronte a questi extra, nonostante la situazione sia di effettivo disagio. Servono trasferimenti adeguati, senza è impossibile garantire un servizio all’altezza". Alla lettera sono stati allegati gli articoli che documentano come in alcune scuole, in particolare a Gozzano, in questi giorni ci siano in alcune aule meno di 15 gradi. Nell’istituto, peraltro, c’è anche la più alta concentrazione di studenti disabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Com’è noto, la riforma operata dalla Legge Del Rio e dai relativi decreti attuativi nonché dalle ultime leggi di stabilità ha comportato pesanti tagli ai trasferimenti erariali a favore delle Province - si legge nella missiva - Alla contrazione delle risorse trasferite da parte dello Stato si è aggiunta la contrazione delle risorse provenienti dalla Regione che ha determinato un ulteriore ridimensionamento finanziario dell’Ente. In particolare si segnala che i contributi statali erogati ai sensi dell’art.1 comma 754 della L.208/2015, che per il 2016 ammontavano ad € 1.479.000,00, sono annullati dall’entità dei tagli che per l’anno in corso si prevedono di oltre € 14.000.000. Tali contributi devono bastare alle molteplici esigenze istituzionali della Provincia di Novara. L’Ente quindi sta attraversando una situazione di profondo disagio finanziario in quanto non può sostenere le spese necessarie alla gestione dell’attività ordinaria. Ciò comporta anche la compromissione del regolare funzionamento dell’attività scolastica in seguito all’insufficienza dei servizi erogati (manutenzione edifici, riscaldamento). Alla luce di quanto sopra esposto, in considerazione delle reali difficoltà in cui si opera al fine di garantire le condizioni minime di funzionalità delle scuole di competenza provinciale, evitando situazioni di rischio e disagio per l’utenza, si chiede di valutare la possibilità di uno stanziamento mirato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi positivi nelle scuole di Novara

  • Esce da scuola e scompare: 11enne di Trecate ritrovata a Magenta

  • Casalbeltrame: sabato i funerali di Carlo e Veronica, i due fratelli morti in un incidente in moto

  • Incidente mortale a Piancavallo, motociclista si schianta e perde la vita

  • Cosa fare in città: tutti gli eventi del fine settimana del 19 e 20 settembre

  • Cerano, rissa in pieno pomeriggio: coinvolti tanti ragazzi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento