menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Bettelmatt: il formaggio d'alpeggio più famoso dell'Ossola, tutto quello che c'è da sapere

Produzione limitata e prezzi da capogiro, ecco perché il Bettelmatt è considerato la "Rolls Royce" dei formaggi italiani

Il Bettelmatt è un formaggio la cui produzione risale al XIII secolo, periodo in cui veniva utilizzato come merce di scambio dalle popolazioni Walser insediate in Ossola. 

Si tratta di un formaggio a pasta semidura dal colore giallo paglierino e a media stagionatura che al palato, dopo un primo aroma armonico e delicato, risulta intenso e fragrante. 

La particolarità di questo formaggio deriva dalla produzione limitata a poche migliaia di forme all'anno. Scopriamone insieme i motivi.

Il Bettelmatt è ottenuto esclusivamente da latte vaccino crudo e intero, proveniente da una sola mungitura di bovine di razza bruna piemontese, nutrite al pascolo da luglio a settembre in soli sette alpeggi situati tra la Valle Antigorio e la Val Formazza, come l'alpe Bettelmatt e l'alpe Sangiatto. 

Gli alpeggi si trovano tutti ad un'altitudine compresa tra i 1800 e i 2400 m s.l.m. e sono caratterizzati dalla presenza dell'erba Mutellina (Muttolina in ossolano), che conferisce al latte un profumo ed un'aroma particolari. 

Le sue forme, che vanno a ruba nel giro di poche settimane una volta sul mercato, costano dai 40 ai 100 euro al chilo, motivo per cui è soprannominato da Gianfranco Vissani la "Rolls Royce" dei formaggi italiani. Un prezzo sì elevato, ma perfettamente in linea con l'esclusività della sua produzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento