menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

La Igor torna al successo, vittoria da tre punti a Trento

Azzurre protagoniste di una bella prova corale, dopo un avvio troppo "falloso"

Torna prontamente al successo la Igor Volley di Stefano Lavarini, che conquista tre punti importantissimi a Trento, aggiudicandosi il match in rimonta (1-3). Azzurre protagoniste di una bella prova corale, dopo un avvio troppo "falloso", e segnata dai punti di Herbots (22, top scorer del match) e dallo show in battuta di Hancock (6 ace e premio di Mvp del match per lei).

Trento in campo con Piani opposta a Cumino, Fondriest e Furlan centrali, Melli e D’Odorico schiacciatrici e Moro libero; Novara con Hancock in regia e Smarzek in diagonale, Bonifacio e Washington al centro, Herbots e Bosetti in banda e Napodano libero.

Il primo break è di Trento (5-3), Washington sorpassa (5-6) ma poco dopo è l’ex D’Odorico a prendersi l’inerzia favorevole firmando il 10-9 in diagonale dopo uno scambio infinito e propiziando poi il break di Piani per il 13-11. Bosetti ricuce lo strappo (17-17) e Bonifacio sorpassa a muro (17-18), il nastro aiuta Trento (20-19) ma Populini entra e trova l’ace del 20-21 con Novara che tiene il vantaggio nel punto a punto fino al 22-23. Un muro di Furlan vale il sorpasso (24-23) e un errore di Bosetti chiude il set sul 25-23.

Sull’onda dell’entusiasmo Trento parte forte (5-2) con l’ace di Piani, Novara lavora con pazienza e rientra con il muro di Bosetti (6-5) prima che Hancock piazzi un parziale di 0-8 in battuta che vale il 7-14 con ben quattro ace. Bertini ferma il gioco due volte, Novara non rallenta e va 10-18 con la diagonale di Smarzek e Bosetti aumenta ulteriormente il divario con la diagonale del 14-23 e il muro del 14-24. Finisce poco dopo, con un attacco in rete di Trento (14-25).

Novara sfrutta l’inerzia favorevole (2-4, Smarzek), D’Odorico in battuta trova il sorpasso per le trentine (8-7) ma è ancora il turno in battuta di Hancock a "spaccare" il set: Herbots in pipe fa 9-10, due ace dell’americana valgono il 9-12 che regala un margine rassicurante alle azzurre, "ritoccato" proprio dalla regista azzurra con il muro del 12-16 su D’Odorico. Trento non rientra, Novara va 15-22 con l’ace di Washington e di slancio chiude 17-25, trovando il sorpasso nel computo dei set.

Piani prova a reagire (4-2), Smarzek (5-5) e Herbots (7-7) alzano il ritmo a muro, con la belga che "stoppa" Fondriest (7-8) per il sorpasso e Bosetti che trova poi il +2 in parallela, sul 9-11. Ancora Herbots a muro (12-15) ma D’Odorico, ultima ad arrendersi, ricuce lo strappo sul 17-17 costringendo al timeout Lavarini; al ritorno in campo le azzurre scappano 18-22, Melli rientra (21-22), Bosetti tramuta in oro una gran difesa di Napodano (21-23) e Bonifacio a muro conquista il match ball sul 21-24. Melli annulla il primo (22-24), poi Lavarini manda in campo Daalderop che chiude la contesa in diagonale (22-25).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Verbano Cusio Ossola

Valanga all'Alpe Devero, neve e detriti devastano il Lago delle Streghe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento