Verbano Cusio OssolaToday

Coronavirus, cancellati i Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore

Per la prima volta in 22 anni il tradizionale appuntamento natalizio non si terrà. Il comunicato degli organizzatori

Foto di repertorio

Il coronavirus cancella anche i Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore, che nel 2020, per la prima volta in 22 anni, non si teranno. Lo hanno annunciato in un comunicato stampa gli organizzatori.

"All'inizio del mese di settembre, in una situazione socio-sanitaria ancora sostenibile - si legge nella nota stampa degli organizzatori - il Comune di Santa Maria Maggiore e la Pro loco di Santa Maria Maggiore, Crana e Buttogno avevano deciso di avviare la macchina organizzativa dei Mercatini di Natale 2020. Fin da subito l'organizzazione aveva comunicato che l'evento sarebbe stato confermato solo se la situazione dei contagi da Covid-19 fosse rimasta stabile e che,  in caso di variazioni delle condizioni di sicurezza nella realizzazione di eventi che prevedono assembramenti di persone, l’edizione 2020 dei Mercatini di Natale sarebbe stata annullata, mantenendo tutte le selezioni e le iscrizioni valide per i Mercatini di Natale 2021".

"Considerata l'attuale impossibilità di garantire le condizioni di sicurezza per espositori e visitatori a causa del costante peggioramento della situazione sanitaria - prosegue la nota stampa - e, non ultimo, alla luce degli ultimi Dpcm emanati, Comune e Pro loco comunicano con rammarico la cancellazione dell'edizione 2020. La  comunicazione ufficiale e definitiva viene data solo ora per permettere di portare a termine, come previsto fin dal primo momento, le operazioni di preselezione per gli aspiranti espositori.

"Dopo l'annullamento del Raduno Internazionale dello Spazzacamino, siamo costretti a rinunciare ad unaltro importante evento - conferma il sindaco di Santa Maria Maggiore Claudio Cottini - Per la prima voltain 22 anni cancelliamo con grande dispiacere i nostri Mercatini di Natale: siamo consapevoli che questa scelta obbligata avrà ripercussioni pesanti sul tessuto economico di Santa Maria Maggiore e della provincia intera, considerando i notevoli flussi di visitatori degli ultimi anni. Siamo però altresì convinti che la salvaguardia della salute pubblica sia ora più che mai imprescindibile. Diamo appuntamento a dicembre2021, nella speranza di poter superare presto questa nerissima pagina della nostra storia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, l'ospedale Maggiore di Novara deve aprire un nuovo reparto di terapia intensiva

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus, a Novara tamponi rapidi a pagamento nel parcheggio dell'ex Sporting: come prenotarli

  • Coronavirus, 6 persone positive al covid decedute all'ospedale di Novara in 24 ore

Torna su
NovaraToday è in caricamento