Verbano Cusio OssolaToday

Coronavirus, negli ospedali di Verbania e Domodossola solo visite e interventi urgenti

Si stanno creando nuovi posti letti covid. Chiuso il Punto Nascite dell’Ospedale San Biagio di Domodossola

Riorganizzazione degli ospedali di Verbania e di Domodossola per affrontare l'emergenza covid.

L'Asl Vco spiega in una nota come saranno divisi i reparti. "Alla giornata di oggi i posti letto dedicati a ricoveri Covid sono negli Ospedali Castelli e San Biagio 124, ai quali si sommano i 32 posti letto Covid attivi presso l’Eremo di Miazzina. La previsione è di avere una dotazione complessiva sul territorio del VCO di 224 posti letto Covid entro il 14 novembre 2020. Questo risultato lo si raggiunge anche grazie alla disponibilità e collaborazione, oltre che dell’Eremo di Miazzina, dell’Istituto Auxologico di Piancavallo che da lunedì 9 novembre attiverà 40 posti letto di bassa/media intensità Covid, e del COQ di Omegna che da domani 8 novembre metterà a disposizione 12 posti letto di media/alta intensità Covid, incrementabili entro il 14 novembre a un totale di 28 posti. Il COQ rende altresì disponibili ulteriori 15 posti letto per acuti di area medica no Covid che contribuiranno ad assicurare una risposta all’esigenza di ricoveri urgenti di area medica".

Rimarrano quindi operative nei presidi di Domodossola e Verbania solo le prestazioni urgenti, non differibili e oncologiche. "Presso il Presidio Ospedaliero di Domodossola rimangono attivi i posti letto UTIC e concentrata l’attività traumatologica oltre all’attività chirurgica oncologica e di classe A, con esclusione di quella afferente al Dipartimento Materno Infantile che sarà garantita presso l’Ospedale di Verbania. Come già avvenuto nella fase 1 della pandemia nel mese di marzo 2020, l’attività del Punto Nascite dell’Ospedale San Biagio di Domodossola è temporaneamente sospesa. La sospensione avrà effetto da lunedì 9 novembre 2020 sino a nuova comunicazione, in relazione all’andamento della fase epidemica e delle conseguenti azioni necessarie. Al fine di garantire un supporto ostetrico-ginecologico per consulenze sia al Dea che ai Reparti ospedalieri e per gestire eventuali emergenze ginecologiche o ostetriche intrasportabili, nonché garantire l’assistenza al neonato, rimarranno disponibili presso il Presidio di Domodossola un Ginecologo e un’Ostetrica e, in reperibilità, un Pediatra e un’Infermiera Pediatrica, 7 giorni su 7. Il percorso nascita dell’ASL VCO non subirà variazione, le donne gravide potranno continuare ad accedere al Consultorio Familiare di via Scapaccino n. 47 a Domodossola con le limitazioni previste dai DPCM in vigore. Per ogni ulteriore informazione le donne gravide possono contattare i numeri di telefono 0324 491208 oppure 0323 541345, o il Consultorio al n. 0324 491627".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Coronavirus, ancora 7 decessi negli ospedali di Novara e Borgomanero

Torna su
NovaraToday è in caricamento