menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Coronavirus, al via le prenotazioni per il vaccino: quasi 70mila piemontesi hanno già fatto richiesta

Aperte le prenotazioni per over 80 e personale scolastico

Quasi 70mila piemontesi si sono prenotati per il vaccino anti covid.

Nella prima giornata di adesione alla nuova fase della campagna vaccinale rivolta agli over 80 e al personale scolastico, universitario e della formazione professionale sono già state registrate 68.000 richieste di preadesione: 25.500 caricate dal personale docente e non docente sul portale www.ilpiemontetivaccina.it e 42.500 inserite dai medici di famiglia, sull’apposita piattaforma regionale, per i propri pazienti con più di 80 anni (inclusi i nati nel 1941). Per quanto riguarda il nostro territorio, nel novarese sono 4558 le persone che hanno già dato la loro adesione alla campagna vaccinale, mentre nel Vco 2339. Le somministrazioni dei vaccini inizieranno venerdì 19 febbraio per il personale scolastico, universitario e della formazione professionale e domenica 21 febbraio per gli over 80.

“Questo primo giorno di raccolta delle prenotazioni - osserva l’assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi - si chiude con un bilancio decisamente positivo, sia riguardo ai numeri, sia sul piano logistico. La piattaforma informatica ha dimostrato di reggere lo straordinario impatto dei contatti, così come i medici di famiglia stanno confermando nei fatti il loro strategico impegno sul fronte della pandemia. Ringrazio tutti coloro che, in ogni sede, lavorano a questa delicata e impegnativa campagna vaccinale”.

“Questa giornata conferma il Piemonte come una delle Regioni più preparate ad affrontare anche la vaccinazione di massa - aggiunge il commissario dell’Area giuridico amministrativa dell’Unità di Crisi della Regione, Antonio Rinaudo - Mentre procede a pieno regime il completamento della vaccinazione del personale del nostro sistema sanitario e delle Forze dell’ordine e delle Forze armate, tra le prime Regioni in Italia per rapidità di somministrazione dei vaccini, dai prossimi giorni daremo il via a questo nuovo importante passo avanti per mettere in sicurezza i cittadini piemontesi a cominciare dalle fasce più fragili, come gli over80”.

“Le decine di migliaia di adesioni raccolte già nel primo giorno della campagna di adesione per il personale scolastico, universitario e della formazione professionale - evidenzia Pietro Presti, consulente strategico Covid della Regione Piemonte - dimostra l’attenzione e la sensibilità di questo settore rispetto al tema della sicurezza sanitaria, sia ai fini della tutela della salute sia per garantire la continuità di un servizio fondamentale come quello dell’istruzione”.

Intanto sono 3.900 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate ieri, lunedì 15 febbraio, all’Unità di crisi della Regione Piemonte. A 1.183 è stata somministrata la seconda dose. Dall’inizio della campagna si è quindi proceduto all’inoculazione di 288.309 dosi (delle quali 131.646 come seconda), corrispondenti all’85,1% delle 338.650 finora disponibili per il Piemonte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

  • Attualità

    Coronavirus, come procedono i vaccini in Piemonte?

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento