menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Coronavirus, revocato da Aifa il blocco di AstraZeneca: riprendono le vaccinazioni in Piemonte

Previsto entro il 15 aprile il completamento della somministrazione delle prime dosi per gli over 80 e per il personale scolastico. Il cronoprogramma aggiornato del piano vaccinale piemontese

Dopo il via libera dell'Ema, anche l'Agenzia italiana del farmaco ha revocato il divieto d'uso del vaccino AstraZeneca. Confermata però la sospensione della somministrazione di due lotti del vaccino AstraZeneca tuttora sotto sequestro da parte dell'autorità giudiziaria, il lotto ABV2856 (oggetto anche del provvedimento di divieto di utilizzo dell'11 marzo) e ABV5811 (che non è stato invece oggetto di provvedimenti specifici da parte di Aifa).

A partire dalle 15 di oggi, venerdì 19 marzo, la campagna vaccinale anti covid è quindi potuta riprendere in maniera completa. E anche in Piemonte sono ripartite le convocazioni dei cittadini che devono ricevere il vaccino AstraZeneca.

In questo senso, la Regione ha "aggiornato il piano vaccinale - ha spiegato il presidente Alberto Cirio in una conferenza stampa - alla luce dell'annuncio di Ema, che ha certificato che il vaccino AstraZeneca è un vaccino sicuro, le cui problematiche sono di gran lunga inferiori ai benefici. Noi abbiamo specificato che questo è stato uno stop doloroso, ma la vaccinazione si fa anche con la fiducia, non solo con le siringhe e i medici. Ora con grande fiducia dobbiamo quindi ripartire con la campagna vaccinale".

Secondo i dati forniti dalla Regione, ad oggi in Piemonte sono già state consegnate 104mila dosi di AstraZeneca, 16.500 di Moderna e 28mila di Pfizer. Sono invece 136mila i centri vaccinali gestiti dalle aziende sanitarie operativi sul territorio regionale, ma sono in fase di attivazione ulteriori 24 centri gestiti da strutture private, convenzionate o autorizzate, in cui sarà possibile somministrare 3.500 dosi al giorno. Con l'attivazione dei centri vaccinali privati, il Piemonte conta di arrivare a somministrare 20mila vaccini al giorno entro la fine di marzo.

Al momento, secondo i dati di ieri, giovedì 18 marzo, il Piemonte ha somministrato 618.207 dosi, l'80,7% di quelle ricevute, di cui 194.632 seconde dosi. La percentuale della popolazione vaccinata nella nostra regione si attesta quindi al 4,34%. Tra i piemontesi che hanno già completato la vaccinazione, con la somministrazione di entrambe le dosi, ci sono gli operatori sanitari (150mila) e gli ospiti delle Rsa (30mila). E' in via di conclusione, invece, la vaccinazione del personale delle forze armate e delle forze dell'ordine: al momento sono state vaccinate 18mila persone, sulle 22mila che hanno preaderito.

Per quanto riguarda la completa ripresa della campagna vaccinale piemontese, dalla Regione fanno sapere che entro il 22 marzo "avremo inviato a tutti gli over 80 del Piemonte che hanno preaderito il messaggio di convocazione per la vaccinazione. Chiunque non ricevesse il messaggio entro lunedì, si rivolga al proprio medico".

Entro il 15 aprile, invece, tutti gli over 80 (eccetto i non trasportabili) saranno vaccinati, con almeno una dose. Ad oggi, secondo i dati aggiornati al 18 marzo, sono 197.318 gli ultra 80enni che hanno ricevuto il vaccino, sui 337mila che hanno aderito. La stessa scadenza è stata fissata anche per il completamento della somministrazione delle prime dosi per il personale scolastico, di cui ad oggi hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino in 51.122 (su un totale di 86.295).

Per quanto riguarda gli over 70, invece, l'avvio della somministrazione dei vaccini è stato fissato per il 29 marzo. Gli over 70, che alla data del 18 marzo hanno pre aderito alla vaccinazione in 128.117, riceveranno il vaccino o presso lo studio del proprio medico di famiglia, o negli ambulatori di medicina di gruppo o nei centri vaccinali dell'Asl. La vaccinazione dei disabili gravi e degli estremamente vulnerabili (al 18 marzo 64.431 pre adesioni) partirà invece il 26 marzo, mentre per i conviventi e i caregiver (che al 18 marzo hanno aderito in 14.264) si comincerà il 29 marzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Allarme truffe: "Attenzione ai falsi tecnici e ai finti agenti"

  • Attualità

    Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento